Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ascanio Amalteo e la riforma forestale del 1792 nel Trevigiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 selvicoltura moderna 2 che diverrà materia autonoma rispetto a botanica ed a- graria. Queste nuove idee furono poi esportate, anche con le conquiste imperiali napo- leoniche, in tutta Europa ed è proprio Napoleone che, attuando le sue imprese nel territorio che ci interessa, mise a soqquadro la rinnovata gestione boschiva. Per causa sua, infatti, la provincia di Treviso, che per secoli era stata alle di- pendenze della Serenissima, dovette subire un’altalenante dominazione stra- niera, ora di stampo austro-ungarico, ora francese. All’improvviso, nella prima- vera del 1797, durante la fortunata campagna d’Italia, Napoleone Bonaparte, prendendo a pretesto una rivolta popolare scoppiata a Verona, decise la fine della Serenissima: come è noto infatti, il 12-5-1797, su richiesta del generale, il Maggior Consiglio dichiarò “dissolto” lo Stato e il Doge Ludovico Manin lasciò il posto a delle municipalità democratiche, che presero il potere fino alla firma del trattato di Campoformio (18-10-1797). In virtù di esso il Veneto fu ceduto all’Austria fino alla battaglia di Austerlitz (2-12-1805), dopo la quale fu incorpo- rato nel Regno Italico fino al 1814. Con la caduta di Napoleone, il Veneto tornò a far parte dell’Impero Austro-Ungarico, che lo governò fino alle varie vicende delle guerre d’indipendenza. La scomparsa della Repubblica, modificando l’assetto politico del territorio di cui ci si sta occupando, influì pesantemente sulla gestione dei boschi poiché inter- ruppe bruscamente l’applicazione della grande riforma che in materia la Domi- nante aveva elaborato ed approvato nel 1792. Come si vedrà più diffusamente in seguito, essa fu la prima vera riorganizzazione sistematica che tentò di met- tere ordine e dare logicità alla difficile e travagliata gestione boschiva. 2 GIOVANNI MARIA MERLO, voce Illuminismo, in Grande Dizionario Enciclopedico, Torino, UTET, 1957.

Anteprima della Tesi di Fabrizio Bertino

Anteprima della tesi: Ascanio Amalteo e la riforma forestale del 1792 nel Trevigiano, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabrizio Bertino Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 619 click dal 28/09/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.