Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 Il nuovo assetto agrario delle campagne inglesi è caratterizzato dal bocage, un sistema di organizzazione dello spazio agricolo “a campi chiusi”. Il primo timido avvio delle enclosures si colloca tradizionalmente nel XVI secolo. Esso è strettamente legato a processo socio-religioso che porta a una diminuzione del peso del regime signorile. Il movimento prosegue sin verso il 1580, poi ricomincia all’inizio del XVIII secolo. Nel 1850 il paesaggio agrario inglese è ormai completamente cambiato. Per questa trasformazione, che è considerata una condizione imprescindibile del progresso tecnico, la classe dei grandi proprietari beneficia dell’appoggio dello Stato, grazie a ripetuti interventi legislativi del Parlamento in favore delle recinzioni. La scomparsa della “classe media contadina” 22 , la crescita di una classe di affittuari capitalisti che, accanto ai grandi proprietari, sono estremamente attenti al progresso tecnico, concepito come fonte di profitto, sono i segni sociali più evidenti del cambiamento. Le enclosures nel Norfolk cominciarono prima che altrove. Come nel resto dell’Inghilterra, verso la metà del XVI secolo nel Norfolk la proprietà nobiliare inizia a percepire dalla sua terra una rendita in denaro. Questa evoluzione favorì indubbiamente un nascente individualismo agrario, che spinse verso “produzioni commerciabili” 23 . Le costrizioni comunitarie sono rotte. La centralità del Norfolk nell’economia agraria inglese ha dunque origini antiche: sin dal XVI secolo dalla produzione del Norfolk dipendeva l’approvvigionamento di Londra. I miglioramenti tecnologici importanti si pongono tra il 1660 e il 1680. Essi consistono nella marnatura e nella concimazione sistematica con letame ben conservato, che mantiene il proprio potere fertilizzante; nell’inserimento nelle rotazioni di colture in grado di assicurare una abbondante alimentazione al bestiame durante l’inverno; nel precoce abbandono nelle grandi aziende agricole del Norfolk della rotazione triennale. 22 In inglese yeomanry 23 In inglese money crops.

Anteprima della Tesi di Michelangelo Stanzani

Anteprima della tesi: Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michelangelo Stanzani Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.