Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 storiografia politica e sociale sulle campagne padane tra Otto e Novecento, o al dibattito agronomico del tempo. La prima parte della trattazione è dedicata al mutamento degli indirizzi colturali dettato dalla congiuntura economica degli ultimi vent’anni del XIX secolo. Particolare attenzione è riservata al settore padano sud-orientale dove più visibile fu la trasformazione. Al centro di questo processo sta l’introduzione della barbabietola da zucchero e più in generale il nesso tra agricoltura e industria agro-alimentare di trasformazione. È attraverso questa via che in Val Padana vengono sanciti il definitivo superamento della crisi agraria e la penetrazione del capitalismo nelle campagne. Proseguendo, si tratta delle innovazioni in campo genetico e chimico che resero possibili i nuovi orientamenti colturali attraverso l’introduzione dei concimi artificiali. I fertilizzanti sono una tipica innovazione land saving, particolarmente adatta all’Italia di fine secolo XIX, in cui il fattore di produzione lavoro certo non scarseggiava 9 . In questo scenario un ruolo chiave è giocato anche da un ulteriore fattore di novità nel contesto dell’agricoltura padana: il sorgere di nuove forme di associazionismo contadino e padronale. In particolare le associazioni dei proprietari terrieri nei primi anni del Novecento compiono precise scelte politiche nella direzione del superamento dell’assetto tradizionale delle campagne. La posizione padronale non è tuttavia univoca: a Bologna troviamo schierati da un lato i settori più dinamici legati alla conversione agro-industriale, dall’altra le antiche famiglie custodi dell’assetto tradizionale della pianura del Reno. La questione del mantenimento della pace sociale garantita dalla conduzione a mezzadria dei poderi è infatti connessa alla resistenza all’introduzione delle innovazioni. Orientamenti conservatori o solo cautamente riformatori rappresentano una costante dell’atteggiamento di parte della proprietà bolognese, specie d’estrazione nobiliare. 9 GIOVANNI FEDERICO, L’agricoltura italiana: successo o fallimento?, in PIERLUIGI CIOCCA, GIANNI TONIOLO, Storia economica d’Italia. 3. Industrie, mercati e istituzioni. 1. Le strutture dell’economia, Laterza, Roma-Bari 2003, p. 125.

Anteprima della Tesi di Michelangelo Stanzani

Anteprima della tesi: Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michelangelo Stanzani Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.