Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli U.S.A. e la politica estera di Jimmy Carter: 1977-1981

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 In un primo momento, Nixon sembrò riuscire ad imboccare la via d’uscita dalla “crisi spirituale” 10 del decennio ormai concluso: nei ghetti urbani le rivolte (iniziate nel 1968 dopo gli assassini di King e Robert Kennedy) si sedarono progressivamente e lo sbarco di astronauti sulla luna trasmise per la prima volta un’immagine di potenza americana dopo anni di “palude” vietnamita. La violenza, però, continuò in molte università (Harvard, Cornell, Wisconsin, Penn State, Howard, Massachusetts fra le più importanti) e culminò il 4 maggio 1970 alla Kent State University, dove la guardia nazionale sparò sulla folla di studenti uccidendone quattro. La tensione emerse anche in forma di rivolte nei penitenziari e attentati dinamitardi nelle sedi di grandi aziende. I Sixties non erano ancora finiti. Il presidente, servendosi della demagogia populistica del suo vice Agnew, cercò di delegittimare l’opposizione radicale ma il suo tentativo si risolse in una sconfitta politica alle elezioni di medio termine del 1970. La rielezione di Nixon nel 1972 fu, invece, il frutto della “strategia meridionale” messa in atto dall’amministrazione che, cosciente della vulnerabilità del partito repubblicano a destra dello schieramento politico, ne spostò il baricentro nel tentativo di conquistare più consensi fra gli elettori ultraconservatori, segregazionisti compresi. Il fattore determinante della vittoria di Nixon fu, tuttavia, la rinuncia forzata di Wallace, vittima di un attentato il 15 maggio 1972 (sopravvisse, ma ritirò la candidatura). L’esplosione del caso Watergate pose fine prematuramente al secondo mandato presidenziale di Nixon che rassegnò le dimissioni il 9 agosto 1974. Gerald Ford si insediò dichiarando che “la nostra costituzione funziona; la nostra grande repubblica è 10 Richard Nixon, 20-1-1969, «Public Papers of the Presidents», Richard Nixon.

Anteprima della Tesi di Daniel Mori

Anteprima della tesi: Gli U.S.A. e la politica estera di Jimmy Carter: 1977-1981, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniel Mori Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4944 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.