Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

eXPeriential marketing 1994, p.295). Dato per assunto che i consumatori effettuano le loro scelte basandosi sugli attributi, questi sono visti come una leva molto importante per differenziare la propria offerta da quella del mercato. I benefici invece sono l'utilità che deriva dagli attributi funzionali: la performance che i consumatori ricercano nei prodotti. La relazione tra attributi e benefici solitamente non é una relazione univoca, infatti la nascita di un beneficio non deriva da un unico attributo, ma da un insieme di attributi. Ad esempio, l'utilità che deriva dall’avere un'immagine chiara in un televisore, è il risultato di un insieme di attributi del prodotto come la dimensione dello schermo, la sua luminosità e la qualità del contrasto. Questo è uno dei motivi che hanno spinto molti uomini di marketing a partire dai benefici ricercati dai consumatori per trovare quegli attributi del prodotto in grado di soddisfarli. Attraverso questo processo si riesce a creare un percorso progettuale più efficiente che parte proprio da ciò che i consumatori ricercano nei prodotti. A questo punto è importante chiedersi se “i prodotti sono semplicemente una somma di attributi, oppure sono qualche coso di più?” Senz'altro sono qualche cosa di più. Come scrivono D. Pietroni e R. Rumiati su Micro & Macro marketing, “ogni prodotto commerciale potrebbe essere quindi rappresentato graficamente come composto do due elementi: un nucleo funzionale circondato do un alone espressivo” (Pietroni, 1999) (Figura n. 2). 1.5.2 La concorrenza Nella visione di marketing tradizionale i prodotti e le aziende concorrenti vengono definiti in modo molto preciso. Ad esempio un produttore di divani di design come B&B Italia, concorrerà sul mercato solamente con altri produttori di divani di design, come ad esempio Moroso, ma non con produttori di divani per la massa come Natuzzi o Poltrone & Sofà, così come un produttore di arredamento di fascia alta per la zona notte, come MOVE, non competerà con - 7 -

Anteprima della Tesi di Andrea Ruffini

Anteprima della tesi: Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ruffini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8638 click dal 11/10/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.