Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Linguaggio e realtà nel neorealismo cinematografico italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 storia vera, che parli al cuore e sia curiosa e avvincente 6 ”. Questa intenzione fiduciosa nella creatività potenziale degli individui, insieme con altre scelte tecniche e non, come l’ inquadratura, la ricerca di interpreti provenienti dallo stesso ambiente in cui si vuole ambientare il film, e infine la scelta di effettuare le riprese proprio in ambienti reali e non negli studi cinematografici dove li si può ricostruire, costituiscono il perno centrale di tutta la produzione neorealista di Vittorio De Sica e Cesare Zavattini. E proprio su queste caratteristiche si basa l’estetica dei loro film. Più che opere come Roma città aperta, di Roberto Rossellini che pure indubbiamente rimane uno dei capolavori del neorealismo, tuttavia analizzando i vari elementi che contraddistinguono il neorealismo stesso, sono proprio le opere di De Sica e Zavattini che li prendono in esame più approfonditamente. Infatti 6 Film d’oggi – N° 2. pag. 2

Anteprima della Tesi di Giuseppe Catalano

Anteprima della tesi: Linguaggio e realtà nel neorealismo cinematografico italiano, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Catalano Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11217 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.