Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Ciò presuppone lo sviluppo di metodi e processi d’incollaggio per il quale sono no- te da tempo delle difficoltà. Infatti, allo stato attuale, risultati soddisfacenti per l’incollaggio di legno massiccio sono stati ottenuti principalmente sul legno delle coni- fere (abete e pino) mentre sul legno delle latifoglie sono state rilevate maggiori difficol- tà. In particolare il legno di robinia è risultato assai difficile da incollare (Bargelli et al., 1997) e ciò è imputato da alcuni (Kickken e Van Etten, [2000]), all’alto contenuto di e- strattivi del durame, sospettati di interferire sull’adesione, da altri (Richter, 2000) alle elevate tensioni interne e all’irrigidimento del materiale, sviluppate durante l’essiccazione. E’possibile comunque ottenere buoni risultati, come è testimoniato dalle esperienze condotte su legni tradizionalmente ritenuti di difficile incollaggio quali ad es. il Cerro (Quercus cerris L.), sia attraverso una idonea preparazione delle superfici sia mediante una specifica formulazione degli adesivi (Lavisci et al., 1991). Scopi della presente ricerca sono quelli di verificare l’idoneità della suddetta specie per la fabbricazione di elementi in legno lamellare e definire formulazioni e processi di incollaggio su legno di robinia in modo da rendere possibile la produzione e l’impiego di tali semilavorati all’esterno. Questo potrebbe permettere, oltre alla migliore valoriz- zazione del legno di questa specie, notevoli vantaggi sia economici (costo inferiore ri- spetto ad altri legni durabili naturalmente, omissione dell’impregnazione) che ecologici (manufatti legnosi a minor impatto ambientale). La ricerca è stata articolata nelle seguenti fasi: 1) esecuzione di prove di incollaggio con un adesivo a base poliuretanica monocom- ponente di recente introduzione nel settore del legno lamellare e controllo di qualità applicando la normativa europea sul lamellare portante (UNI EN 391 e UNI EN 392); 2) esecuzione di prove comparative d’incollaggio con altre tipologie di adesivi idonei allo scopo (adesivi strutturali adatti all’impiego in ambiente esterno) in modo da testarne le differenti prestazioni; 3) analisi critica delle prestazioni ottenute e verifica delle possibilità di impiego.

Anteprima della Tesi di Antonio Campani

Anteprima della tesi: Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Antonio Campani Contatta »

Composta da 353 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7730 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.