Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1.2.2 Meccanismi di indurimento Dopo che l’adesione è stata raggiunta, inizia il fenomeno dell’indurimento. Nell’impiego di adesivi per legno questi i principali meccanismi di indurimento: ξ Per raffreddamento: E’ basato sulle proprietà di quei solidi che, con il calore, fon- dono e diventano liquidi. Questi sono normalmente resine termoplastiche che a temperatura ambiente sono dure e resistenti mentre, se riscaldate oltre una certa temperatura fondono diventando liquide. Vengono applicate a caldo, il principale vantaggio è che solidificano molto velocemente quando sono messe a contatto con il legno, rendendo l’assemblaggio un’operazione molto veloce. Per questa tipologia, nessun cambiamento molecolare di dimensione o di struttura interviene durante la fusione o la solidificazione. ξ Per evaporazione: Sono rappresentati da collanti in dispersione o soluzione liquida. Una distinzione è dovuta tra quelli in cui l’adesivo è disciolto nel solvente e quelli in cui è sospeso. Inoltre, se il liquido è l’acqua, si parla di adesivi a base acquosa, se è qualcos’altro a base di solventi (Marra, 1992). Anche in questo caso, come per quelli ad indurimento per raffreddamento, non si verifica cambiamento nella strut- tura molecolare dell’adesivo. Principale svantaggio è la loro persistente solubilità: lo stato solido è completamente reversibile. Tutti gli adesivi di questo tipo sono sensibili al calore, pertanto perdono di resistenza quando sono sottoposti ad elevate temperature. Inoltre, come normalmente accade per gli adesivi termoplastici, sono sensibili anche alle sollecitazioni continuate nel tempo che originano fenomeni di creep (Marra, 1992). ξ Per reazione chimica: Questi induriscono in seguito ad una reazione chimica di polimerizzazione che può consistere in una condensazione o in una reazione di ad- dizione. Molti di questi adesivi si caratterizzano per essere costituiti, all’inizio, da molecole piccole, solubili e fusibili che polimerizzando diventano grandi ed insolu- bili. Molti sono i vantaggi che questi adesivi riuniscono in sé mentre pochi sono gli svantaggi. In particolare, essendo costituiti all’inizio da molecole piccole, hanno una grande mobilità e per questo, grazie all’aiuto dei solventi in cui sono disciolti,

Anteprima della Tesi di Antonio Campani

Anteprima della tesi: Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Antonio Campani Contatta »

Composta da 353 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7730 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.