Skip to content

Il Sistema Informativo delle aziende ad Alto Contenuto Etico

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 aziendale ( 24 ). La posizione dell'Autore si basa sull'idea dell'unitarietà del fenomeno aziendale, per cui la distinzione fra aziende di produzione e aziende di erogazione può ingenerare l'equivoco che solo le prime, e non anche le seconde, abbiano un problema di scelte economiche e di equilibrio economico da raggiungere. La distinzione semmai va fatta in base alla diversa specie di attività, per cui l'"erogazione" e la "produzione" sono soltanto il mezzo per distinguere le aziende che attuano la produzione in senso lato da quelle che attuano il consumo. Giannessi propone inoltre una diversa classificazione, volta ad individuare all'interno della società moderna tre tipi di "aggregati umani", ovvero: - le Associazioni, - gli Enti Pubblici (ed in particolare lo Stato), - le Aziende. Egli sostiene che ciascuno dei tre aggregati ha fini particolari o "assegnati" che non sono da confondere con il fine supremo dell'uomo, poiché "Gli uomini, considerati allo stato isolato, hanno un fine primigenio che è quello del soddisfacimento dei bisogni; considerati nelle forme aggregate e operative, hanno tanti fini quanti sono questi aggregati, e i complessi operativi che ne derivano" ( 25 ). Si noti che ogni classificazione ha propri scopi da raggiungere, che sono quelli di rendere più agevoli determinati indagini scientifiche, per cui, se variano le indagini da svolgere, possono mutare i criteri della classificazione. Per quanto attiene in modo specifico alle classificazioni delle aziende, Zappa sottolinea che: "La realtà della multiforme e complessa vita delle aziende non è fatta a compartimenti stagni, a caselle chiuse. Le diverse classificazioni delle aziende non si escludono reciprocamente, le classificazioni nelle quali un'azienda rientra sono di solito varie, ma ogni azienda se può spesso formare parte di date classi proprie di diverse distinzioni, ancora può sfuggire, in alcuni suoi tratti caratteristici, alle classificazioni attuate" ( 26 ). Se la complessità del mondo aziendale è tale per cui è difficile effettuare una classificazione che riesca a porre rigide linee di demarcazione e che possa essere universalmente accettata, ci sia permesso ricorrere alla "teoria generale dei sistemi" ( 27 ), che consente di dare un'interpretazione dell'azienda in chiave sistemica e quindi di conferire maggiore organicità e unitarietà al fenomeno aziendale. Il concetto di sistema non costituisce una novità nel campo delle discipline economico-aziendali, in quanto Zappa aveva già intuito e messo in evidenza la portata logica che avrebbe avuto il definire l'azienda un sistema dinamico, scrivendo: "Forse appunto per la continua trasformazione subita dai fenomeni d'azienda, questa (..) è anche stata definita come sistema dinamico" ( 28 ). Egli in effetti accetta lo schema concettuale del sistema come base della vita aziendale, e sviluppa in modo lucido e razionale una "teoria dei sistemi aziendali". Il concetto di sistema, come fatto caratterizzante la dinamica aziendale, è stato poi ripreso da altri studiosi, i quali hanno approfondito l'analisi avendo riguardo o al sistema aziendale in generale, o ai particolari sottosistemi che lo compongono. Così ad esempio Amaduzzi è colui che ha cercato di cogliere gli aspetti più significativi delle condizioni sistematiche zappiane, ma anche nelle opere di Giannessi il concetto di sistema è largamente presente, mentre Masini mette in evidenza la complessa natura sistemica dell'azienda, mediante la sua 24 - Cfr. E. GIANNESSI, Interpretazioni del concetto di azienda pubblica, Cursi, Pisa 1961 25 - E. GIANNESSI, Considerazioni critiche.......... op. cit. pag. 573-582 26 - G. ZAPPA, Le produzioni nell'economia dell'impresa, Tomo I, Giuffrè, Milano 1956, pag. 179 27 - La "teoria generale dei sistemi" nasce intorno agli anni '40 dalla ricerca originale per impostazione e ampiezza di un biologo americano di origine tedesca (Von Bertalanffy), ma la definitiva affermazione si è avuta nel decennio successivo ad opera soprattutto di un economista americano (Kenneth E. Boulading). 28 - G. ZAPPA, Ibidem, pag. 153
Anteprima della tesi: Il Sistema Informativo delle aziende ad Alto Contenuto Etico, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Il Sistema Informativo delle aziende ad Alto Contenuto Etico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Monica Vitali
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1992-93
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Antonio Prof. Matacena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi