Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di software Java ad alte prestazioni e realizzazione di una suite di benchmarks per J2ME e J2SE orientati al DSP

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 - Il linguaggio Java e la Java Virtual Machine Le API Java possono essere suddivise in:  Le Java Base API: che forniscono la vera base del linguaggio, cioè utilities, I/O, networking, GUI, servizi applets, ecc. In particolare, definiscono le classi base per la creazione di applicazioni ed applets pienamente funzionali. Un esempio sono le classi contenute nei package: java.lang, java.util, java.io, java.net, java.awt ecc.  Le Java Standard Extension API: che estendono le capacità del Java oltre quelle fornite dalle classi definite nel Java Base API. Ad esempio, forniscono le funzionalità per ciò che riguarda: telefonia, sicurezza, audio, video, grafica 2D,3D, ecc. IL LINGUAGGIO JAVA Il Java è un linguaggio chiaramente di tipo orientato agli oggetti. Inoltre, essendo pensato per lo sviluppo e la distribuzione attraverso la rete di contenuti eseguibili, deve essere un aspetto prioritario quello di possedere delle caratteristiche di sicurezza molto efficienti. Infatti, ne sono un esempio i limiti imposti alle operazioni eseguibili da parte di un’applet (ad esempio non le è consentito leggere o scrivere file sul sistema dell’utente), le misure restrittive imposte nell’accesso alla memoria per evitare che possano essere poste in atto tecniche atte a scavalcare le barriere di sicurezza, ecc. Inoltre, nel runtime environment è presente un componente, chiamato verifier, che esamina, in fase di esecuzione, ciascun bytecode verificando che non sia stato violato alcun costrutto del linguaggio (eventualità che si riscontra nel caso in cui il compilatore Java sia stato alterato). Da ciò emerge che, tuttora, Java è il linguaggio più sicuro in circolazione. Inoltre, Java è anche molto robusto, dato che impone al programmatore delle restrizioni nella stesura del codice sorgente, soprattutto per ciò che riguarda l’utilizzo dei puntatori aritmetici e dei tipi di dati, impedendo, così, l’accesso, casuale o volontario, alla memoria in modo improprio. Inoltre, vi è un controllo delle eccezioni (condizioni di errore) molto funzionale e la gestione della

Anteprima della Tesi di Leonardo Minnozzi

Anteprima della tesi: Sviluppo di software Java ad alte prestazioni e realizzazione di una suite di benchmarks per J2ME e J2SE orientati al DSP, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Leonardo Minnozzi Contatta »

Composta da 268 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3529 click dal 12/10/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.