Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il riconoscimento del figlio naturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo Introduzione e linee evolutive dell’istituto 7 Proprio l’importanza di queste conseguenze ha portato oggi all’imprescrittibilità dell’azione di cui all’art. 269 C.c.. Il presupposto necessario per l’acquisto della stato di figlio naturale è, banalmente, l’esistenza di un rapporto biologico di filiazione tra chi assume di essere genitore ed il preteso figlio. Il riconoscimento può essere sempre impugnato, per difetto di veridicità da chiunque abbia un interesse, senza limiti di tempo. La prescrizione, contenuta nell’art.263 C.c., è dovuta in primis a ragioni di certezza del diritto ed in seconda battuta all’adozione di una serie di cautele, volte ad evitare l’aggiramento delle norme sull’adozione per mezzo di riconoscimenti non veritieri. Anche dalla procreazione artificiale eterologa può, del resto, derivare lo stato di figlio (anche legittimo) nei confronti di un soggetto che non è il vero genitore biologico. Vista la carenza di normazione in materia, però, si ritiene opportuno rimandare la trattazione dell’argomento a trattati più specifici 10 , limitandoci in questa sede a constatare come la giurisprudenza 11 ritenga il consenso alla pratica della fecondazione da parte del marito assimilabile all’unione sessuale, quale prius della fecondazione 12 . In una realtà avulsa dal matrimonio, come lo è quella dei figli naturali, l’accertamento della filiazione avviene con atti distinti di ciascun genitore. L’assenza di un vincolo giuridicamente rilevante tra le parti fa si che nessun obbligo di collaborazione nella cura dei figli sia tra loro 10 Cassano, Le nuove frontiere del diritto di familgia, Milano, 2000, 103 e ss.; 11 Cass. 18.11.1992, n.12350, in Riv. ital. Medicina legale, 1994, 1080; 12 Numerosi dibattiti si registrano in merito alla effettiva portata in questa sede dell’art. 235 C.c.: disconoscimento di paternità. L’argomento è stato oggetto di una recente sentenza della Corte di Cass. 16.03.1999 n. 2315, in Giuda al diritto, 1999, 54, che ha escluso l’azionabilità del disconoscimento di paternità in seguito ad una fecondazione eterologa fatta volontariamente;

Anteprima della Tesi di Emiliano Sotgiu

Anteprima della tesi: Il riconoscimento del figlio naturale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emiliano Sotgiu Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5732 click dal 08/10/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.