Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crollo del peso messicano e cenni sulla crisi asiatica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VII Nel primo capitolo viene trattato il Messico, a partire indicativamente dagli anni sessanta dal punto di vista economico-finanziario facendo anche alcuni accenni alle relazioni intraprese con gli Stati Uniti. Il percorso del capitolo, che arriverà fino agli anni ’90, si sofferma sulla crisi del 1982, su come venne affrontata e quali riforme vennero intraprese. Il riavvicinamento economico e politico tra i due paesi verrà consolidato con il NAFTA (di cui farò un breve accenno), l’accordo di libero scambio tra i paesi nord americani, che avrà certamente un influsso negli eventi successivi. Il secondo capitolo tratta la crisi messicana del 1994. Iniziando da alcuni sviluppi macroeconomici che posero il Messico in una situazione vulnerabile nei primi anni novanta si arriverà alla crisi finanziaria e alla condizione di illiquidità internazionale per vari motivi tra i quali: la struttura del debito pubblico e il panico finanziario di tipo self-fulfilling dopo l’abbandono del tasso di cambio semi-fisso. Il Messico risolse la crisi e riprese il sentiero di crescita economica durante il 1995 in modo rapido e costante (si potrà dire a forma di “V”) in virtù della ripresa delle esportazioni. Non si dimentica che tale recupero fu possibile anche grazie all’aiuto internazionale che coprì il debito pubblico e con l’adozione a partire da marzo di politiche interne restrittive che riguadagnarono la fiducia degli operatori finanziari. Il terzo capitolo affronta la questione se una possibile “cattiva politica fiscale o valutaria” abbia portato alla crisi, giungendo alla conclusione che le sue dinamiche dipesero dalle aspettative del mercato e dal panico finanziario di tipo self-fulfilling. Verrà fatto un parallelo con le crisi bancarie americane e si spiegherà perché le misure adottate per prevenire la corsa agli sportelli bancari negli Stati Uniti non furono applicabili per il caso messicano (in particolar modo per gli avvenimenti di marzo ‘94). Nel quarto e quinto capitolo vengono descritti quali furono i problemi e quali riforme vennero intraprese dai sistemi finanziari e bancari in Messico ed in Tailandia. Sostanzialmente entrambi i sistemi si trovarono ad affrontare grandi quantità di debiti arretrati e in sofferenza. A situazioni di scoperti bancari e finanziari generati da inadeguate modalità di erogazione del credito e al formarsi del “mismatch” tra attività e passività, si giungerà ad una situazione di illiquidità nei confronti del mercato estero. In Tailandia inoltre il comportamento della Banca Centrale quale prestatore di ultima istanza, da almeno il 1976 aveva

Anteprima della Tesi di Fabio Cremasco

Anteprima della tesi: Il crollo del peso messicano e cenni sulla crisi asiatica, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Cremasco Contatta »

Composta da 304 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1552 click dal 12/10/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.