Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il delitto di istigazione o aiuto al suicidio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 tutto il Regno d’Italia, con la sola esclusione della Toscana, dove il codice penale del 1853, già privo, comunque, di norme incriminatrici del suicidio, rimane in vigore fino al codice Zanardelli del 1889. Le ultime eccezioni alla liceità giuridica della morte volontaria sono il codice russo del 1866 e le disposizioni del diritto inglese e del codice dello Stato di New York del 1881, che puniscono il tentato suicidio. Il codice russo viene però sostituito già nel 1903 e quello di New York poco dopo, nel 1919. Si deve invece aspettare il Suicide Act del 1961 perché si depenalizzi il tentato suicidio in Inghilterra e si possa, quindi, affermare che: “tutti i paesi civili hanno cancellato la morte volontaria dalla lista dei delitti; questo processo è chiaramente irreversibile, nonostante talune voci si sollevino ancora a tentare di recuperare dignità e giustificazioni ad un passato di repressione superstiziosa e brutale” 21 . 21 MARRA, op. cit., p. 95.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Mellace

Anteprima della tesi: Il delitto di istigazione o aiuto al suicidio, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Mellace Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6460 click dal 14/10/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.