Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accesso abusivo ai sistemi informativi automatizzati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I - Criminalità informatica 1.1 Il fenomeno 1 CAPITOLO 1 CRIMINALITA’ INFORMATICA 1.1 Il fenomeno “Uno dei fenomeni più significativi dell’era elettrica consiste nel creare una rete globale che ha molte delle caratteristiche del nostro sistema nervoso centrale, il quale non è soltanto una rete elettrica ma un campo unificato di esperienza”. Nel lontanissimo 1964, Marshall McLuhan, nel suo “Understanding Media”, prevedeva la realizzazione di una società nuova basata sulla “istantaneità elettrica”, che permetteva lo scambio delle informazioni in tempo reale tra i suoi membri, abitanti di un “villaggio virtuale” che coinvolgeva tutti contemporaneamente. 1 La innegabile diffusione di strumenti tecnologici ha portato innumerevoli benefici in termini di simultaneità nello scambio di informazioni e comunicazioni mutando radicalmente l’attività economica e le relazioni sociali. Tale innovazione tecnologica se utilizzata in modo distorto può portare, però, a pericolosi effetti involutivi. Il progresso informatico ha permesso la diffusione di una nuova categoria di illeciti, detti “reati informatici”, anche grazie all’iniziale assenza di norme repressive. Si tratta di reati di natura mutevole, che si evolvono con le nuove tecniche dell’informazione e che difficilmente si riescono a costringere nei limiti normativi. 2 L’innovazione ha spinto vari Paesi ad una sorta di “fibrillazione normativa” 3 , al fine di creare un quadro normativo capace di prevenire e reprimere l’uso degenerato del mezzo informatico o le aggressioni alle tecnologie e ai sistemi informativi automatizzati. 4 Il diritto delle tecnologie dell’informazione è una materia che si differenzia dalle altre di natura giuridica. L’aspetto tecnico è elemento fondamentale dell’esame del fenomeno e non è soltanto 1 Ladislao Massari, I computer crimes e la Legge n° 547 del 23 dicembre 1993, in Elementi di diritto dell’informatica a cura di Donato A. Limone, Lecce, Adriatica Editrice Salentina, pag. 301 2 Giustino Sisto e Agnese Casillo, Diritto delle nuove tecnologie dell’informazione e dell’Internet a cura di Giuseppe Cassano, IPSOA 2002, pag. 1375 3 Stati Uniti, Giappone, Canada, Regno Unito, Colombia 4 Ladislao Massari, Op. cit., pag. 301

Anteprima della Tesi di Vito Nicola Mastromarino

Anteprima della tesi: L'accesso abusivo ai sistemi informativi automatizzati, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vito Nicola Mastromarino Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4638 click dal 15/10/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.