Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I luoghi di consumo nella società globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 • organicistico che si rifà a Emile Durkheim • individualista che si rifà a Max Weber • critico che rinvia alla Scuola di Francoforte Il paradigma organicistico, ha come caratteristica peculiare di considerare il <> rispetto alle <> e proprio per questa ragione, possono essere considerati fautori di questo particolare punto di vista, Durkheim 2 , Marx e Comte. Tutti e tre, infatti, chi con un’ottica funzionalista, chi partendo da una concezione materialistica della storia e chi attraverso la legge dei tre stadi, consideravano possibile una conoscenza scientifica partendo da un presupposto olistico. Il paradigma individualista, che richiama immediatamente alla mente Max Weber 3 , è, invece, caratterizzato da un costante riferimento all’individuo, considerato colui che attribuisce il senso all’azione. Conseguentemente il compito dello scienziato sociale è comprendere questo agire dotato di senso, cercando una spiegazione causale solo in secondo momento. Come si raggiunge l’oggettività? Weber risolve questo quesito sostenendo l’ avalutatività, che permette allo scienziato sociale di procedere verso una conoscenza scientifica all’interno del particolare punto di vista prescelto, prescindendo da emettere qualsiasi giudizio di valore rispetto ai fenomeni studiati. Il terzo ed ultimo paradigma è quello critico, che rinvia direttamente alla Scuola di Francoforte, di cui fanno parte studiosi come Horkheimer, Adorno 4 , Fromm, Marcuse e Habermas. Il fulcro del pensiero critico si rifà alla necessità di mettere in rilievo le contraddizioni della società capitalistica cercando le soluzioni per un suo superamento. Lo scienziato sociale ha, quindi, come compito quello di combattere l’ideologia della 2 Cfr. E.Durkheim, Le regole del metodo sociologico, Milano, Comunità, 1969 3 Cfr. M.Weber, Il metodo delle scienze storico-sociali, Torino, Einaudi, 1958 4 Cfr. M.Horkheimer e T.W.Adorno, Dialettica dell’illuminismo,Torino, Einaudi, 1966

Anteprima della Tesi di Rosalba Carbutti

Anteprima della tesi: I luoghi di consumo nella società globale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosalba Carbutti Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11572 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.