Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I luoghi di consumo nella società globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 tempo stesso <>: il soggetto umano può essere considerato ambiente rispetto al sistema sociale ma anche interno ad esso. 12 Dalla parte di coloro che ravvisano uno spiraglio di luce nell’epoca <> , troviamo Habermas che parla in termini di una totale emancipazione che si terrà proprio in questa fantomatica epoca postmoderna. Nel famoso discorso “ La Modernità. Un progetto incompiuto”, Habermas sottolinea come il primo progetto di emancipazione della modernità sia stato l’Illuminismo, che, parafrasando Kant, significa pensare con la propria ragione. Proprio questa ragione illuministica sconfinò fino ad essere percepita unicamente come ragione strumentale, fonte di quelle contraddizioni che i Francofortesi tanto biasimavano, come l’industria culturale. Habermas, sostiene la necessità di uscire da questo paradosso generato dalla ragione illuministica e afferma la possibilità di una totale emancipazione proprio nell’epoca postmoderna. Con questo non significa che si trovi completamente in sintonia con le tesi di Horkheimer e Adorno sulla Dialettica dell’Illuminismo. Afferma, infatti, che non tutto l’Illuminismo è da rigettare: << Come hanno potuto quei due, che sono pur sempre Illuministi, sottovalutare il contenuto razionale della modernità culturale, fino al punto da percepire in tutto solamente una lega di ragione e dominio, potere e validità? >> 13 Quello che Habermas auspica, nella sua utopia comunicativa, è, quindi, non di eliminare completamente la ragione strumentale, ma di affiancare ad essa una ragione comunicativa, in grado di creare una comunicazione dialogica intersoggettiva. A proposito della ragione strumentale, E. Di Nallo 14 analizza come essa sia il fulcro dell’epoca moderna ormai avulsa dai diversi piani di ragione che dominavano il Medioevo. 12 Ibidem 13 Cfr. j. Habermas, Il discorso filosofico della modernità, Laterza, Bari, 1997 14 Cfr. E. Di Nallo, Razionalità, simulazione, consumo, articolo contenuto in Sociologia della Comunicazione, n°6, Angeli, Milano,1984

Anteprima della Tesi di Rosalba Carbutti

Anteprima della tesi: I luoghi di consumo nella società globale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosalba Carbutti Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11572 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.