Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diffamazione a mezzo stampa e diritto di cronaca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 7 tratta però di due diritti, ma di uno solo, perché manifestazione e divulgazione sono tra loro necessariamente legati da un vincolo di strumentalità. 2 Tra i mezzi evocati dall’art. 21 Cost. la stampa è l’unico a trovare espressa disciplina e tutela costituzionale. Nell’importante sentenza 1/1956 la Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità delle norme fasciste di pubblica sicurezza limitative della libertà di stampa e vieta in modo assoluto il conferimento alle autorità pubbliche di un potere discrezionale e arbitrario in relazione al contenuto dell’attività di manifestazione del pensiero e all’uso dei mezzi. In primis l’art. 21 è un diritto di libertà individuale riconosciuto al singolo in quanto tale, a prescindere dai vantaggi e dagli svantaggi che possono arrecarsi allo Stato, garantito affinché ”l’uomo possa unirsi all’altro uomo nel pensiero e col pensiero eventualmente operare” 3 . Accanto ad un diritto alla parola, la Carta riconosce al singolo anche un diritto al silenzio, un diritto a non dire quello che non si pensa. Innegabile è anche il rilievo politico e sociale che la libertà di manifestazione del pensiero possiede, tanto che si è parlato a proposito di essa come di “pietra angolare 4 della democrazia,” pilastro della società democratica”. 5 Il buon funzionamento di un ordinamento democratico si fonda infatti sulla libertà di pensiero, essendo essa che alimenta la forza sociale di base che è la pubblica opinione. 6 Il riconoscimento di tale libertà è prerogativa di tutti gli stati democratici e la stessa Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo la consacra all’art. 10 come uno tra i più importanti diritti dell’individuo. “Ogni persona ha il diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o comunicare informazioni o idee senza ingerenza alcuna da parte delle autorità pubbliche e senza considerazione di frontiera. …” (Art. 10, I comma, CEDU). 2 Corte Cost.14 Giugno 1956 n.1, Giurisprudenza Costituzionale,1956. 3 ESPOSITO C.,La libertà di manifestazione del pensiero, Milano, Giuffrè 1958,9. 4 Corte Cost. 168/1971, in www.giurcost.org. 5 Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, Sunday Times c. Regno Unito ,25/04/1979, A-30. 6 MORTATI C.,Istituzioni di diritto pubblico, Padova, Cedam, 1969,973.

Anteprima della Tesi di Rachele Campanini

Anteprima della tesi: Diffamazione a mezzo stampa e diritto di cronaca, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rachele Campanini Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14369 click dal 15/10/2004.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.