Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per un modello africano di garanzie dei diritti dell'uomo - Lineamenti del recente sviluppo dei diritti umani in Africa Occidentale Subsahariana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 2 – LA CARTA AFRICANA PER I DIRITTI DELL’UOMO E DEI POPOLI 2.1 – IL CONTESTO Per comprendere in maniera completa la portata giuridica della Carta Africana dei Diritti dell’uomo e dei popoli, bisogna conoscere tutti gli elementi che, negli anni della sua nascita, compongono lo sfondo del continente africano dal quale è nato tale strumento di diritto internazionale. Alle origini della Carta, adottata dall’Assemblea dei Capi di Stato e di Governo dell’Organizzazione dell’Unità Africana alla 18ª Conferenza ordinaria a Nairobi il 26/6/1981, c’erano reali cambiamenti, dati dalla situazione internazionale ereditata dal tempo delle indipendenze negli anni ’60 e ’70. Questo spiega la natura della Carta che definisce diritti e doveri con innovazione dettata dalle circostanze, e allo stesso modo lo fa proclamando i diritti dei popoli e l’interindipendenza e indivisibilità di tutti i diritti, civili, politici, economici , culturali e sociali. Durante la 16ª conferenza ordinaria dell’Assemblea Capi di Stato e di Governo dell’OUA 1 , a Monrovia 2 , decisero di avviare un preliminare di studi capace di creare organi per la promozione e protezione dei diritti dell’uomo e dei popoli. In quel periodo le popolazioni dello Zimbabwe, Namibia e SudAfrica erano pesantemente soggette a colonialismo e segregazione razziale, e le violazioni dei diritti umani in tutto l’Africa meridionale erano improntate al sistema dell’apartheid. L’anno 1978 fu segnato dalla caduta delle dittature, nella Repubblica Centroafricana, Guinea Equatoriale e Uganda, dell’Imperatore Bokassa 1°, i Presidenti Nguéema Macias e Idi Amin Dada spodestati dal potere, ebbero modo di caratterizzare i loro governi facendo dell’arbitrio una delle principali caratteristiche e dando dimostrazioni delle più atroci violazioni dei diritti umani. Nel nord, sud come nell’est e ovest e il centro del continente l’indipendenza non era stata accompagnata da politiche che realmente rispettassero i diritti umani come proclamati dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite. La ragione di Stato e l’interesse vitale della nazione erano invocati come causa di giustificazioni dai regimi autoritari. 1 Organizzazione dell’Unità Africana 2 In Liberia dal 17 al 20 luglio 1979

Anteprima della Tesi di Lorenzo Gaggiato

Anteprima della tesi: Per un modello africano di garanzie dei diritti dell'uomo - Lineamenti del recente sviluppo dei diritti umani in Africa Occidentale Subsahariana, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lorenzo Gaggiato Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5056 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.