Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

certo” - si rileva 14 - “che rispetto alle singole fattispecie il controllo va esercitato con assoluta imparzialità. Ma l'imparzialità non significa anche neutralità. Non solo in sede di controllo di merito, ma anche in sede di controllo di legittimità esistono in ogni caso margini di scelta (che sono poi margini di scelta politica) in ordine alla ricerca ed alla interpretazione delle norme da adottare quali parametri del controllo”. Dello stesso segno, in sede politico-istituzionale, era la presa di posizione della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, che rivendica una disciplina statale dei controlli rivolta a finalizzare “il controllo esterno all' essenziale scopo di assicurare verifiche di coerenza degli atti fondamentali degli enti locali agli indirizzi della Regione” 15 . La tesi opposta faceva leva sulla volontà costituzionale di garantire ai minori enti territoriali, sia nei confronti dello Stato che delle Regioni, una posizione di autonomia con la quale non sarebbero compatibili controlli di legittimità politicamente orientati. Conduceva a questa conclusione, da un lato, la concezione del controllo di legittimità come attività indipendente e neutrale non riferibile ad alcun soggetto, ma esercitata nell'interesse dell'ordinamento generale e, quindi, non imputabile né allo Stato-persona né alla Regione; dall'altro, la configurazione tradizionale dell'autonomia locale - come capacità di esprimere e perseguire nell'ambito di competenza un proprio indirizzo di politica amministrativa, anche se divergente da quello dello Stato e della Regione - che è l'unica coerente col complessivo disegno costituzionale 16 . Anche la giurisprudenza, costituzionale e amministrativa, ha avuto occasione di occuparsi della problematica in argomento. Va segnalata, innanzitutto, la sentenza n. 226 del 18 novembre 1976, che, con riguardo alla funzione di controllo della Corte dei Conti, ha 14 Cheli , Prospettive di riforma del controllo sugli enti locali nel quadro regionale, 1973,p. 392 Barbera, I controlli sugli enti ospedalieri: tendenze e prospettive, 1977, p. 56 15 Bollettino leggi e documenti regionali, 1982, p. 629 16 Sandulli, I controlli, p. 583

Anteprima della Tesi di Gianmario D'ambrosio

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli sui comuni, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4289 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.