Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ricerca di sistemi di controllo. Fondamentale classificazione dei controlli è quella che distingue i controlli in interni,che l’amministrazione esercita su di sé, ed esterni,provenienti da organismi ad essa estranei. Tra i primi va ricordato quello gerarchico, espressione del potere di supremazia gerarchica di controllare l’azione dei subordinati, avvalendosi spesso di appositi corpi ispettivi. I controlli esterni si presentano con forme e caratteri diversi a seconda dei soggetti che li pongono in essere: vi rientra,ad esempio, il controllo degli organi giurisdizionali: esso si esercita attraverso la risoluzione delle controversie tra l’amministrazione e gli amministrati e può comportare l’annullamento o la disapplicazione degli atti amministrativi lesivi di diritti o interessi legittimi; esterno è il controllo esercitato dalla Corte dei Conti. Nell’ambito dei controlli esterni si distinguono poi quelli sugli atti,in cui l’oggetto del riesame è il singolo atto,e sugli organi,in cui è il comportamento delle persone fisiche preposte agli uffici o la condotta dell’organo come tale ad essere oggetto del sindacato . I controlli sugli atti si suddividono a loro volta in preventivi,esercitati prima che l’atto sia formato o dopo, ma prima della sua esecuzione; successivi,che intervengono dopo che l’atto ha già dispiegato in tutto o in parte i suoi effetti; di legittimità,volti a riscontrare la presenza di vizi di legittimità,nelle forme della violazione di legge,incompetenza ed eccesso di potere;di merito,i quali comportano un’indagine più penetrante,in quanto estesa ad accertare,oltre ai vizi suddetti,anche quelli desumibili dalla semplice inopportunità o inidoneità dell’atto. Una posizione a sé stante riveste il controllo sostitutivo, che consegue all’inerzia, alla impossibilità di funzionare o al cattivo funzionamento dell’ organo controllato e comporta la sostituzione dell’ organo di controllo o di un suo delegato nel compimento di uno o più atti di competenza dell’ organo controllato. E’ poi antica la disputa se ed in che misura il controllo sia compatibile con le autonomie locali. L’autonomia,anche

Anteprima della Tesi di Gianmario D'ambrosio

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli sui comuni, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4289 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.