Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale della privacy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fautori di questa tesi ritengono che ad esser costituzionalizzato sia solo il diritto alla vita privata; per la riservatezza non è possibile avanzare pretese di costituzionalità poiché tale interesse non trova riconoscimento né nella Costituzione né in altre fonti. 28 28 BRICOLA, op cit., pag. 76 ss: l’autore distingue il diritto alla riservatezza dal diritto al rispetto della vita privata, ritenendo il primo successivo al secondo. Il diritto alla riservatezza, inteso come «interesse della persona a mantenere nell’ambito della propria sfera privata quegli atti o quelle vicende che la persona stessa desideri restino tali, impedendo l’attività di terzi che vogliono divulgarle rendendole di pubblico dominio…, difende la sfera privata dalla divulgazione di notizie legittimamente acquisite dal soggetto»; mentre il diritto al rispetto della vita privata, quale «interesse ad impedire l’altrui attività rivolta a venire a conoscere, scoprire, le vicende dell’altrui vita privata …, difende il soggetto da interferenze esterne in questa sfera»; contra MANTOVANI Diritto alla riservatezza e libertà di manifestazione del pensiero con riguardo alla pubblicità di fatti criminosi, in Il diritto alla riservatezza e la sua tutela penale, cit., pag. 405 ss: l’autore sostiene che il diritto alla riservatezza vada inteso quale interesse alla conoscenza esclusiva della sfera privata e che «col circoscrivere il diritto alla riservatezza alla sola pretesa alla non divulgazione, alla non pubblicazione delle cose private, tra l’altro apprese legittimamente … si spezza l’unità di interesse alla esclusività della conoscenza, che caratterizza il diritto alla riservatezza, in funzione di due semplici modalità di offesa del medesimo»; PATRONO, op cit., pag. 567, ritiene che ad essere tutelato in via principale dal legislatore sia il bene giuridico vita privata e che la riservatezza «tutt’ al più, può considerarsi, come particolare forma di vincolo alla conoscenza, una modalità di tutela del bene vita privata».

Anteprima della Tesi di Domenico Ferraro

Anteprima della tesi: La tutela penale della privacy, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Domenico Ferraro Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6085 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.