Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale della privacy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

borghesia si è appropriata grazie ad una serie di trasformazioni socio economiche ed alla rivoluzione industriale. La privacy è il risultato di una rottura all’interno del tessuto sociale, frutto di una lenta e complessa operazione che si conclude con l’assunzione di una propria identità da parte della classe borghese. 3 La possibilità di godere appieno della propria intimità è un elemento che distingue la borghesia dalle altre classi (ad esempio i ceti meno abbienti le cui condizioni di vita non permettevano di avere una propria intimità perché “lasciarli soli” significava abbandonarli a violenze sociali). 4 La privacy è usata dall’individuo come strumento di isolamento, come mezzo per conquistare un proprio spazio, ricorrendo a tecniche di tutela analoghe a quelle del diritto di proprietà. All’interno della classe borghese essa assumeva una duplice funzione garantista: tutelava i cittadini più in vista da scandali e pettegolezzi (posizione conservatrice), garantiva le minoranze artistiche ed intellettuali da indiscrezioni giornalistiche in grado di accrescerne l’impopolarità (posizione liberal progressista). 5 3 RODOTA’, “Tra individuo e collettività,” in Politica del Diritto, 1974, pag. 548. «Il primo mutamento radicale … destinato ad infrangere la forma della casa di abitazione medievale fu lo sviluppo del senso di intimità. Questo, infatti, significava la possibilità di appartarsi a volontà dalla vita e dalle occupazioni in comune coi propri associati. Intimità durante il sonno, intimità durante i pasti, intimità nel rituale religioso e sociale; finalmente, intimità nel pensiero”. E così finiscono “le reciproche relazioni sociali fra i ranghi superiori e quelli inferiori del regime feudale: relazioni che avevano mitigato la sua oppressione. Il desiderio di intimità segnò l’inizio di quel nuovo schieramento di classi che era destinato a finire nella lotta di classe senza quartiere e nelle rivendicazioni individualistiche di un periodo posteriore»: così LEWIS MUMFORD, La cultura delle città, tr. It. Di E. e M. LABO’, 1953, pag. 29 4 «Poverty and privacy are simply contrddictoires»: BENDICH, Privacy, Poverty and the constitution, Report for the Conference on the law of the Poor, University of California at Berkeley, 1966, pp 4 e 7; «il diritto ad essere lasciato solo può assumere un significato pesantemente negativo, quando ciò implica disinteresse per le condizioni dei meno abbienti, abbandono dei più deboli alla violenza sociale»: RODOTA’, op cit , pag 549. 5 RODOTA’,op cit, pag 550; WESTIN, Privacy and Freedom, 1970, pag. 348.

Anteprima della Tesi di Domenico Ferraro

Anteprima della tesi: La tutela penale della privacy, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Domenico Ferraro Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6085 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.