Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'immagine degli Stati Uniti in Francia dopo l'11 settembre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 né la coca cola né la vodka” dichiarava “Témoignage chrétien”, che mostrava la volontà dei francesi di rimanere indipendenti nella guerra fredda (e anche la resistenza dei francesi contro l’americanizzazione del loro stile di vita). In realtà l’atteggiamento francese di risentimento e di contrasto alle politiche americane era dovuto anche al fatto che la Francia sentiva i propri interessi e quelli dell’Europa – altra caratteristica della Francia è ancora quella di identificare i propri interessi con quelli europei- diversi e talvolta contrastanti da quelli americani. De Gaulle lo sottolineò in margine alla crisi di Cuba del 1962, descrivendo in questo modo una delle differenze fondamentali che sussistono tra Europa e Stati Uniti, che comporta forse le più forti incomprensioni e diffidenze tra le due sponde dell’Atlantico. In effetti la divergenza tra l’Europa, le cui considerazioni sono essenzialmente regionali e gli Stati Uniti, le cui considerazioni e interessi sono sempre più globali, si è accentuata, come è analizzato nella seconda parte della tesi, con l’11 settembre 5 . D’altra parte gli Stati Uniti dal 1950 si sono concentrati sulla costruzione di un blocco occidentale in funzione anticomunista, nel quale essi rimanevano in una situazione predominante (la creazione della NATO, la spinta alla integrazione economica dell’Europa e tra questa e gli Stati Uniti). Emblematici in tal senso sono stati i rapporti tra de Gaulle e Kennedy. Da una parte il progetto di un “Grand Design” kennediano mirava ad una maggiore integrazione economico-militare tra Europa e Stati Uniti, nel cui ambito questi ultimi avrebbero potuto esercitare la propria leadership (attraverso il monopolio nucleare). Dall’altra la concezione gollista mirava ad una maggiore autonomia europea/francese dagli Stati Uniti e dall’Unione Sovietica. La paura del comunismo (e dell’Unione Sovietica) e la debolezza dell’Europa sono state comunque le due principali condizioni che hanno reso possibile la costruzione della partnership euro-americana fino al 1989. 5 Vedere seconda parte della tesi p. 160.

Anteprima della Tesi di Tommaso Balbo Di Vinadio

Anteprima della tesi: L'immagine degli Stati Uniti in Francia dopo l'11 settembre, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Tommaso Balbo Di Vinadio Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2268 click dal 20/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.