; Skip to content

Artisti in scena - Arte contemporanea al San Carlo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Momenti della storia della scenografia al San Carlo dal 1737 al 1939 In vent'anni di lavoro, legati per lo più al San Carlo e al teatro di Corte, cura un centinaio di allestimenti: la sua grandiosa impostazione delle scene, quasi sempre con taglio prospettico e fortemente asimmetrico, incline a una esuberanza ornamentale (accentuata da una vena manieristica a volte sin troppo spinta) rientra nella tradizione barocca dei Bibiena10. Nella progettazione delle sue scene, pur restando fedele alla tipologia del classico “per angolo”11 e pur riflettendo nelle rigide spalliere ad archi ornati di vasi e cariatidi, riesce a esprimere un'ampiezza di orizzonti, un riflesso di quel senso di arioso proprio della nuova corrente stilistica di cui il Re offre un apporto fondamentale. Ancora vincolato ai modi bibieschi, soprattutto nell'impostazione planimetrica delle scene, Vincenzo Re prosegue nella direzione di Righini, confortato dall'appoggio di un pubblico che, salvo effetti illusionistici, appare maturo per accettare un uso più razionale degli allestimenti. L'arbitrario e il fantastico non sono più il fine unico delle soluzioni sceniche ormai concepite in funzione all'azione drammaticai12. Questa svolta in campo drammaturgico è dovuta a Pietro Metastasio (un poeta, librettista e drammaturgo italiano ed è considerato il riformatore del melodramma italiano)che con Gli Orti Esperidi, a Napoli, in prima veste di autore teatrale, riesce ad attuare una vera rivoluzione nella stesura dei libretti, conferendo al testo letterario un valore pari a quello musicale13. Personaggi e scene sono ridotti a all'indispensabile, non hanno più una funzione autonoma, ma sono mossi dall'esigenza di stupire il pubblico. Nei suoi drammi, usa gli stessi trucchi del teatro seicentesco, da vita a uno spettacolo nello spettacolo, e se ne serve razionalmente per potenziare l'azione, per sottolineare i momenti principali e per dare opportuno risalto alle fasi conclusive della vicenda14. Ad esempio in Didone Abbandonata (dramma per musica in tre atti del compositore Giuseppe Sarti su libretto di Pietro Metastasio) il tema dell'amore contrastato, frequente nella tematica metastasiana, si svolge in un'atmosfera idilliaca, ma poi il precipitare degli eventi e il drammatico finale viene sottolineato visivamente attraverso un uso funzionale della scenografia dall'avanzare dell'incendio15. Nel restituire dignità all'opera letteraria, considerata prima come un pretesto per sbalorditivi e arbitrari virtuosismi, Re stabilisce un diverso equilibrio tra i vari settori dello spettacolo e pone lo scenografo di fronte a problemi nuovi che non sono affrontati su un piano esclusivamente tecnico. È suo il merito, grazie al suo stile pertinente, minuzioso e lezioso, per aver dato 19
Anteprima della tesi: Artisti in scena - Arte contemporanea al San Carlo, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Artisti in scena - Arte contemporanea al San Carlo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Teresa Cecere
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Architettura
  Corso: Disegno industriale
  Relatore: Vincenzo Trione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

napoli
artisti contemporanei
teatro san carlo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi