; Skip to content

Ernst Bloch: Musica e Ontologia del non-ancora

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 chiarezza, di tracciare delle linee più precise di demarcazione del progetto 7 . È sempre M. Horkheimer a chiarire ulteriormente lo spettro semantico della parola indagata: “l’utopia ha due aspetti: è la critica di ciò che è e la rappresentazione di ciò che dovrebbe essere . La sua importanza è raccolta essenzialmente nel primo momento” 8 . 7 Dopo le motivazioni di fondo che possono spingere gli individui a formulare dei progetti utopici, per completezza ci sembra interessante soffermarci brevemente anche sulle differenti forme in cui lutopia può manifestarsi. Queste possono essenzialmente essere riassunte a partire dalla più classica delle suddivisioni: quella secondo lo spazio e quella secondo il tempo. Ciò è quanto ci vie- ne suggerito da un saggio di R. Trousson (La distopia e la sua storia , in AA.VV, Utopia e distopia, cit., pp. 19-34), per il quale lutopia, sin dalle origini, fu sostanzialmente un parto della c oscienza dellinfelicità storica, un modo per fuggire limper fezione del reale; questa fuga attinse poi da due miti di genere diverso, il mito temporale e il mito geografico. Al primo appartengono quelle utopie come letà delloro o leden perduto che non sono semplici costruzioni, ma la dolce rimembranza di un passato perfetto immune da tutti i mali, persino da quello della morte; al secondo quelle che de- scrivono luoghi remoti e perfetti senza una precisa collocazione temporale: ciò che accomuna que- sti due diversi tipi di utopia è il desiderio di un universo non soggetto a decadenza e imperfezione. La caratteristica delle utopie che si rifanno al mito temporale è che i luoghi metastorici a cui esse si riferiscono, anteriori al tempo stesso, soggiacciono ad una legge esterna che non dipende dalluomo: ora, quando la l egge che ne è alla base subisce violazione da parte dellessere razionale (dotato di libero arbitrio), quella perfezione che esse incarnano, si incrina attraverso la comparsa del male e della caducità di tutte le cose. Differentemente, laspetto saliente d elle utopie spaziali è che non facendo più riferimento ad un tempo lontano, collocano il mondo perfetto in un luogo di- stante e sconosciuto. In questo modo la realtà temporale risulta però, per così dire, asintotica e pa- rallela a quella quotidiana. Queste due direzioni verranno ampiamente rinnovate e riprese lungo il cammino moderno del pensiero utopico: lutopia relativa ad una terra sconosciuta fu soggetto ad una nuova ripresa agli albori delle scoperte geografiche e costituì le fondamenta del succitato scrit- to di More. Diversamente, il mito temporale venne ripreso soprattutto nel 700 soprattutto nella accurata laicizzazione attuata Louis Sébastien Merciér: infatti nellambito della letteratura ut o- pica settecentesca la stimmung razionale e ottimistica dellilluminismo trova il suo culmine nellinvenzione dell ucronia, la quale prende forma tra le righe de LAn 2440 scritto nel 1771. Lucronia è una specie di utopia dove invece di immaginare semplicemente un mondo pe rfetto, si cerca di delinearlo precorrendo gli eventi futuri. In essa il pensiero si propone di prolungare lesperienza storica: difatti nell An 2440 è il mondo stesso ad essersi utopizzato avendo a ttuato tutto ciò che nel passato era stato promesso. 8 M. Horkheimer, Änfange der bürgerlichen Geshichtsphilosopie(1930); trad. it. di G. Backaus, Gli inizi della filosofia borghese della storia, Einaudi, Torino 1978, p. 63. Tutto ciò viene ribadito anche dallo studioso polacco Bronislaw Baczko che allo scopo di annoverare tutta la vastissima produzione della letteratura utopica del Settecento, non discostandosi troppo dalle parole di Horkeimer sugge- risce due concetti differenti di utopia. Nella sua accezione più ampia, lutopia avrebbe il significato di una visione globale della vita so ciale radicalmente opposta alla realtà esistente che nelle dico- tomia classica essere/dover essere e in tutti i suoi corollari (reale/ideale, riformismo/radicalismo) si collocherebbe sempre dalla parte del secondo termine; laccezione più ristretta rimand erebbe, per lo studioso, agli scritti di Moro e Campanella quali mezzo di scoperta ed esibizione della città ideale. Cfr. B. Baczko, Lumières et Utopie. Problèmes de recherche, Annales E.S.C., 1971, (2), pp. 355 - 386.
Anteprima della tesi: Ernst Bloch: Musica e Ontologia del non-ancora, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Ernst Bloch: Musica e Ontologia del non-ancora

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco De Santis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Gianni Vattimo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
ontologia
utopia
bloch
divenire
speranza
vattimo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi