; Skip to content

L'azione sociale ambientalmente corretta: il caso della separazione dei rifiuti a Lipsia ed a Trento

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 In accordo con quanto detto precedentemente è utile ora specificare i presupposti di questo approccio, o per seguire due termini abusati, di questo programma di ricerca 66 ovvero programmi di conoscenza 67 . Quale è quindi il nocciolo nomologico di questa tradizione di ricerca? Scrive Gary Stanley Becker: “I presupposti del comportamento volto alla massimizzazione degli utili, 68 dell’equilibrio di mercato 69 e della stabilità delle preferenze, 70 assunti in senso stretto e senza alcuna limitazione, formano il nocciolo dell’approccio economico alle scienze sociali, così come io lo vedo.” 71 A titolo di riprova, Johnatan H. Turner 72 afferma, con maggiore precisione: “Assunzioni della teoria della scelta razionale: 1) Gli uomini sono orientati ad intenzioni e fini. 2) Gli uomini possiedono insiemi di preferenze o utilità ordinate gerarchicamente. 3) Nella scelta della modalità di comportamento, gli uomini compiono calcoli razionali 73 in relazione a: 3a) l’utilità della modalità di azione considerando la propria struttura gerarchica di preferenze; 3b) i costi di ogni alternativa secondo l’utilità prevista; 3c) il miglior modo di massimizzare l’utilità totale. 4) Fenomeni sociali e strutture sociali emergenti, decisioni collettive e comportamento collettivo sono in ultima analisi il risultato delle scelte razionali compiute da individui che massimizzano l’utile. 5) Fenomeni sociali emergenti che derivano dalle scelte razionali costituiscono un insieme di parametri per le scelte razionali successive degli individui nel senso che determinano: 5a) la distribuzione delle risorse tra individui; 5b) la distribuzione delle 66 Imre Lakatos, 1974 67 Hans Albert, 1976, 1987, et al. (Erkenntnisprogramm) Preferiamo questa formulazione del concetto in quanto meno compromesso con la metodologia dei programmi della ricerca scientifica di Imre Lakatos, ed obiettivamente più generale. Questo non significa che condividiamo l’uso che ne fa Albert, che presenta preoccupanti sfumature di razionalismo non critico. 68 Noi ci siamo limitati, con il principio R del paragrafo precedente, a definire un criterio quasi unico di razionalità della scelta, rifiutando l’assunzione generale di comportamento massimizzante. Tra le azioni che possono essere spiegate razionalmente certamente vale questo principio, anche se non con necessità in modo consapevole. 69 Assunzione tipicamente economica; sociologicamente significa postulare l’esistenza di mercati, con relativa offerta e domanda e prezzi-ombra per ogni bene in qualche modo scarso, (oggettivamente o almeno soggettivamente) dai bambini alla domanda di servizi odontoiatrici. L’assunto di scarsità, di sapore sociobiologico, è severamente criticato da M. Tietzel, 1988. J. Coleman, 1995, p. 80-85, con l’intenzione di dare sostanza ai molti mercati di cui si postula l’esistenza, introduce quello sovraordinato dei “diritti di azione”. Gli attori regolano le loro interazioni scambiandosi non direttamente i beni ma il diritto ad agire sull’altro in determinati modi. 70 Come abbiamo mostrato nel capitolo precedente assumere stabilità di preferenze totale annulla la libertà di volere dell’attore oltre ad essere lontano dal vero. Becker utilizza del resto un concetto di preferenza molto generico, arrivando ad esempio ad affermare che ne esistono solo due: benessere psicofisico e riconoscimento sociale. Ad un livello tale di astrazione può anche valere che le preferenze non mutino ma buona parte della capacità esplicativa dell’approccio è persa, dovendosi costruire per ogni azione immaginarie teorie su quali modalità di azione massimizzino il benessere psicofisico e il riconoscimento sociale. 71 G. S. Becker, 1983, p. 4, traduzione propria. A motivo di questi presupposti, Becker è considerato il più radicale tra i sostenitori della teoria della scelta razionale. Per questo si guadagna, da parte di M. Tietzel, 1988, l’espressione: “Becker è come il barocco nella storia dell’arte”. I suoi maggiori e controversi risultati riguardano la sociologia della famiglia. Cfr. G. S. Becker, 1981, W. Meyer, 1987 e T. Klein, 1996. 72 J. H. Turner, 1991, (Tavola 17-1). Turner non è un sostenitore dell’approccio individualistico. Traduzione propria. 73 Non è in realtà necessario che gli attori compiano consapevolmente questi calcoli: si può agire razionalmente in modo intuitivo; questa condizione può quindi valere in via ipotetica, cioè “come se l’attore compia calcoli razionali.” Non per questo la motivazione perde la sua capacità di fornire motivi reali dell’azione: semplicemente la scienza, per soddisfare ai criteri di oggettività, presenta analiticamente ciò che in realtà può succedere diversamente, ad esempio intuitivamente, non essendo del resto suo fine riprodurre i ragionamenti dell’agente sotto esame.
Anteprima della tesi: L'azione sociale ambientalmente corretta: il caso della separazione dei rifiuti a Lipsia ed a Trento, Pagina 13

Preview dalla tesi:

L'azione sociale ambientalmente corretta: il caso della separazione dei rifiuti a Lipsia ed a Trento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giacomo Gubert
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Gabriele Pollini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
azione sociale
lipsia
rifiuti
topb
trento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi