; Skip to content

L'efficacia esecutiva degli avvisi di accertamento

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 I soggetti incaricati dall’Amministrazione finanziaria di porre in essere l’attività di accertamento, consistente in controlli, verifiche ed ispezioni, e di individuare eventuali fenomeni elusivi o evasivi sono rappresentati da un soggetto civile, l’Agenzia delle entrate 22 , e uno militare, la Guardia di Finanza (quest’ultima rappresenta, comunque, l’attuazione di un’attività esterna e parallela, che si conclude, in ogni caso, con il processo verbale di constatazione, a differenza dell’Agenzie delle entrate che avvia anche le successive fasi di riscossione). L’Agenzia, inoltre, controlla il regolare adempimento degli obblighi fiscali dei contribuenti al fine di contrastare fenomeni elusivi e favorire al massimo l’adempimento spontaneo del contribuente stesso (tax compliance). L’attività istruttoria si esplica attraverso i poteri di cui è dotata l’Amministrazione finanziaria, tramite i controlli cosiddetti “a sorteggio” su specifiche categorie di soggetti, effettuati secondo determinati parametri stabiliti annualmente dal Ministero delle finanze e tramite le dichiarazioni dei redditi degli stessi contribuenti, tramite i controlli automatizzati, le indagini finanziarie, le attività di tutoraggio nei confronti delle imprese di grandi dimensioni o tramite inviti al contraddittorio e questionari proposti 23 . 22 Solitamente l’attività dell’Agenzia riguardante i controlli e gli accertamenti è suddivisa per tipologie di contribuenti: la competenza spetta alle Direzioni regionali per quanto riguarda i cd. “grandi contribuenti” e alle Direzioni provinciali per i restanti soggetti. Così traspare anche dalle circolari annuali sugli indirizzi operativi, emanate dalla stessa Agenzia. Cfr. circolare n. 20/E del 2010 e sul punto anche R. FANELLI, Le linee guida dell’Agenzia delle entrate per l’attività di accertamento 2010, in Corr. Trib., 2010, 22, p. 1771 – 1775 e G. TABET, Natura e funzioni delle Agenzie fiscali, in Riv. Dir. Fin. Sc. Fin., 2011, 1, p. 254 ss. 23 Il più semplice e basilare dei controlli posti in essere è proprio quello effettuato, tramite procedure automatizzate, sulla dichiarazione dei redditi presentata dal contribuente, disciplinato dall’art. 36 bis del d.p.r. n. 600/1973. Esso rappresenta un controllo cd. “cartolare”, cioè generalizzato e costituito su ciò che emerge dal documento esposto al Fisco dal contribuente e spesso volto alla revisione di errori formali ed interpretativi; si differenzia dai controlli cd. “documentali” sulle dichiarazioni, regolati dall’art. 36-ter del d.p.r. n. 600/1973, il quale prevede una verifica più selettiva ed impostata su una (seppur semplice e basilare) attività istruttoria che può portare alla richiesta di documenti più dettagliati al contribuente, sull’eventuale raffronto di questi con dati forniti da terzi all’Amministrazione finanziaria e, in generale, ad un contraddittorio più strutturato di quello previsto dall’articolo precedente. Accanto a queste due tipologie si pongono poi i controlli cd. “sostanziali”, che investono principalmente i soggetti che svolgono attività di impresa o di lavoro autonomo, poiché, per la particolare posizione che rivestono nella società, devono necessariamente subire una tipologia di controlli fiscali più stretta e periodica, tramite direttive precise fornite dal ministero dell’Economia e delle Finanze sui modi e sui tempi (soprattutto per quel che riguarda le grandi imprese, cioè quelle con un volume d’affari maggiore a cinque milioni di euro). Cfr. G. FALSITTA – A. FANTOZZI – G. MARONGIU – F. MOSCHETTI, voce “Accertamento e controlli”, in Commentario breve alle
Anteprima della tesi: L'efficacia esecutiva degli avvisi di accertamento, Pagina 9

Preview dalla tesi:

L'efficacia esecutiva degli avvisi di accertamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Livia Prezioso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Marello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 289

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tributario
accertamento
esecutivo
avviso
fisco
accertamento fiscale
contributi
riscossione tributaria
imposte
tasse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi