; Skip to content

Le Scuole di dottorato di ricerca: analisi dei modelli e delle problematiche didattico-scientifiche ed amministrative

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
favorito nel dottorando la possibilità di sperimentare e prendere atto di possibili approcci diversi, spesso complementari, allo stesso problema. 1.2 La legge 210/1998: l’autonomia delle Università Con la promulgazione della l. n. 210 del 03/07/1998 (Norme per il Reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari di ruolo: G.U. n. 155 del 06/07/98) è stata attuata una sensibile revisione del Dottorato di Ricerca, i cui Corsi, a partire dall’anno accademico 1999-2000, sono istituiti e banditi in autonomia dai singoli Atenei ed organizzati in base ai relativi statuti. 1 L’art. 4 c. 1, in particolare, ridefinisce ed allarga le finalità professionali del Dottorato stabilendo che ”i corsi per il conseguimento del Dottorato di Ricerca forniscono le competenze necessarie per esercitare presso Università, enti pubblici o soggetti privati attività di ricerca di alta qualificazione”. Le Università, con proprio regolamento redatto in conformità ai criteri generali e ai requisiti di idoneità determinati con decreto Ministeriale, disciplinano: • l'istituzione dei corsi di dottorato; • le modalità di accesso e di conseguimento del titolo; • gli obiettivi formativi ed il relativo programma di studi; • la durata, il contributo per l'accesso e la frequenza; • le modalità di conferimento e l'importo delle borse di studio. 2 Con decreti rettorali sono inoltre determinati annualmente: • il numero di laureati da ammettere a ciascun corso di dottorato; • il numero di dottorandi esonerati dai contributi per l'accesso e la frequenza ai corsi, previa valutazione comparativa del merito e del disagio economico; • il numero, comunque non inferiore alla metà dei dottorandi, e l'ammontare delle borse di studio da assegnare, previa valutazione comparativa del merito. Le Università possono, in base ad apposito regolamento, affidare ai dottorandi una limitata attività didattica sussidiaria o integrativa, che non deve in ogni caso interferire con l'attività di ricerca. In base alla nuova normativa, le Università possono attivare corsi di dottorato mediante convenzioni con soggetti pubblici e privati in possesso di requisiti di elevata qualificazione culturale e scientifica e di personale, strutture ed attrezzature idonei. Sempre tramite convenzioni con Enti o industrie possono essere istituite borse di studio, il cui tema di ricerca può essere vincolato ad argomenti di specifico interesse dell’Ente promotore. Per la stessa macro-area possono essere istituiti molteplici Corsi di Dottorato, ciascuno indipendente dall’altro e dotato di una propria organizzazione interna (di regola un Presidente ed un Collegio di docenti) e di propri finanziamenti. Questo ha di fatto perpetuato e non risolto la eccessiva frammentazione e specializzazione dei Corsi di Dottorato, verificatasi nel primo periodo dalla loro istituzione. Inoltre, il fatto che le borse siano finanziate direttamente dai singoli Atenei ha condotto a privilegiare l’istituzione di Corsi a singola sede, sia per le minori difficoltà amministrative, sia per la ovvia preferenza di ogni Ateneo nel destinare le borse a propri dottorandi. Si sono in tal modo persi molti dei vantaggi connessi con la istituzione di Corsi pluri-sede, spesso sostituiti da Corsi a sede singola, come la possibilità per il dottorando di interagire con approcci alla ricerca diversi. L’amministrazione è generalmente curata da uno dei Dipartimenti cui afferiscono i docenti del Corso di Dottorato, mentre il Collegio dei docenti gode di una completa autonomia per quanto riguarda le attività formative e di ricerca del dottorando. Tale autonomia, giustificabile in linea di principio, ha prodotto nella pratica una notevole eterogeneità di percorsi formativi, anche all’interno dello stesso Ateneo, con conseguente disparità di gestione dei dottorandi. Inoltre, la frammentazione e la localizzazione dei Corsi di Dottorato non ha sempre permesso di tenere adeguatamente in conto le esigenze connesse con l’inserimento dei dottorandi nel mondo del lavoro, sia 1 I corsi possono essere altresì istituiti da Consorzi di Università. 2 Alle borse di studio si applicano le disposizioni di cui all'articolo 6, commi 6 e 7, della legge 30 novembre 1989, n. 398. I criteri per la ripartizione tra gli Atenei delle risorse disponibili per il conferimento di borse di studio sono determinati annualmente con decreto del Ministro 2
Anteprima della tesi: Le Scuole di dottorato di ricerca: analisi dei modelli e delle problematiche didattico-scientifiche ed amministrative, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Le Scuole di dottorato di ricerca: analisi dei modelli e delle problematiche didattico-scientifiche ed amministrative

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

DIRITTO E AMMINISTRAZIONE UNIVERSITARIA
  Autore: Annamaria Manetti
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Roberto Barsotti
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

elementi strutturali scuole dottorato
modelli di aggregazione corsi dottorato
requisiti dei corsi di dottorato
scuola di area
scuola integrativa
scuola leonardo da vinci
scuola unica
scuole dottorato di ricerca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi