; Skip to content

Le dittologie di joie nella lirica oitanica

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 LA POESIA DEI TROVIERI 1 – Chi erano i Trovieri? Troubadours e Trouvéres3 dettero luogo ad una realtà poetica molto simile e con influssi reciproci. In verità furono sicuramente i primi ad influenzare i secondi, sia da un punto di vista tematico che da un punto di vista stilistico. I poeti del Mezzogiorno e i poeti del Settentrione dialogarono tra loro, collaborando alla formazione di una stessa civiltà letteraria, la quale non potrebbe essere studiata e compresa veramente in una prospettiva unilaterale4. I due movimenti poetico- musicali che si vennero a costituire, si svilupparono in due contesti sociali e culturali ben distinti per epoca, collocazione geografica e lingua. La poesia trobadorica fiorì tra l’ XI secolo e la prima metà del XIII nel sud della Francia, nell’ambiente della nobiltà feudale (alcuni trai più importanti poeti provenivano dagli alti ranghi nobiliari); lingua d’espressione fu quella che Dante chiama lingua d’oc, ossia la lingua parlata nella regione occitana. I Trovieri operarono tra la metà del XII sec. e la fine del XIII sec., e furono per la maggior parte poeti provenienti dal mondo monastico o dalla piccola borghesia (ad eccezione di qualche personaggio nobile dell’ultima generazione). Questi ultimi si espressero in lingua 3 Il loro nome indica la loro arte nel « trovare »; cfr. M. CORTELLAZZO, P. ZOLLI, Dizionario etimologico della lingua italiana, Bologna: Zanichelli, 1999, Definizione: «TROVAIòRE dal prov. TROBADòR da TROBAR trovare, nel senso di inventare, ideare, e quindi poetare, se non direttamente, come sospetta Savini, da TROPARE mettere in canto una poesia ( v. TROVARE). Nome dato ai poeti d’amore o di cavalleria, che fiorirono dal sec. XI al XIV in Provenza e in Italia, ed erano soliti come i lirici greci | perciò detti mèlici | comporre la poesia e metterla poscia in musica, o, come usavano dire i Provenzali, «fare i motti e il suono» I poeti | èpici | del nord della Francia in lingua d’oïl vennero invece detti trovèri, a. fr. troveres, trouveres, mod. trouvère, prov. trobaire.» Vedi anche sul sito del Centre National de Ressources Textuelles et Lexicales: www.cnrtl.fr: «TROUVÈRE, subst. masc. Étymol. et Hist. 1. Ca 1165 trovere «compositeur, auteur» (BENOIT DE STE-MAURE, Troie, éd. L. Constans, 5192); ca 1225 trouvere (GERBERT DE MONTREUIL, Tristan Menestrel, éd. J. L. Weston, 17565 ds Romania t. 35, p. 498); 2. 1670 «poète lyrique de langue d'oïl aux XIIe et XIIIe s.» (HUET, Orig. des Rom., p. 158 ds POUGENS ds LITTRE). Dér. de trouver* «faire des vers, composer un poème» (cf. a. prov. trobar «id.»); trovere est l'anc. cas sujet d'un mot dont troveor était le cas régime (1188 trovëors, AIMON DE VARENNES, Florimont, éd. A. Hilka, 13608)». 4 A. RONCAGLIA, La lingua d’oïl: avviamento allo studio del francese antico, Roma: Ed. Ateneo, cfr. p. 68.
Anteprima della tesi: Le dittologie di joie nella lirica oitanica, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Le dittologie di joie nella lirica oitanica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Virginia Sabelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Giovanna Santini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dittologia
dittologie
lirica
poesia
sinonimi e antonimi
sistema semantico gioia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi