; Skip to content

Livio e i mores della fondazione

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 In praefatio 5, Livio ci espone le motivazioni che lo avrebbero spinto a dedicarsi al racconto della storia di Roma: ego contra hoc quoque laboris praemium petam, ut me a conspectu malorum, quae nostra tot per annos uidit aetas, tantisper certe, dum prisca illa tota mente repeto, auertam, omnis expers curae, quae scribentis animum, etsi non flectere a uero, sollicitum tamen efficere posset 7 . (Praefatio, 5) In queste righe Livio mostra chiaramente le sue intenzioni: attraverso la sua opera egli vuole conseguire l’obiettivo di distogliere il suo animo dalla contemplazione dei mali cui la sua età ha assistito per tanti anni, per potersi rivolgere totalmente a quegli eventi antichi. Livio, dunque, comincia la sua illustrazione dell’argomento accennando ai motivi soggettivi che lo inducono a indagare il passato più lontano, il desiderio cioè di allontanarsi dal tempo più prossimo e dalle preoccupazioni che incombono sul presente, che offre lo scenario di una crisi in cui Roma è tormentata da guerre civili e rimedi non meno amari. Ciò tuttavia di per sé non fa di Livio un oppositore delle soluzioni politiche che portarono al principato. In ogni caso l’opera di Livio risultò in armonia con i temi della propaganda augustea, e arrivò a costituire di fatto un sostegno, efficace ed autorevole per la notorietà raggiunta dall’autore, ai programmi di riforma avviati dal principe, miranti al risanamento morale, al recupero degli antichi valori religiosi, al ristabilimento dell’ordine e della pace all’interno dello stato. La storia di Livio esprimeva l’esigenza di contemplare le gesta del passato, di rinnovare il modo di sentire degli uomini che avevano fondato e reso grande Roma: essa s’inquadra bene in quel recupero del mos maiorum 8 , letteralmente “il costume degli antenati”, che lo stesso Augusto cercava di promuovere. Si tratta dunque di una narrazione che attinge al mito e alla tradizione, ma anche a quegli scrittori che, alle origini della repubblica, avevano annotato gli avvenimenti a loro di poco anteriori in uno stile sobrio e disadorno. La leggenda si propone quindi a Livio come il serbatoio dei modelli etici propri di una società arcaica; in essa l’esemplarità della condotta degli antenati virtuosi può riproporsi ai contemporanei dello storico illustrando le forme della moralità delle origini, fondata sulla dedizione ai valori della famiglia, della patria e della religione 9 , forme che sembravano cancellate dall’orrore delle guerre civili. Allo storico 7 Il testo latino, qui e in tutti gli altri casi, è stato tratto da The Packard Humanities Institute, CD ROM # 5.3, Los Altos, CA 1991. In ogni caso il testo citato tenuto presente è quello di CONWAY-WALTERS 1914-1934 riprodotto in VITALI 2004 10 per i libri I-III e in VITALI 2000 9 per i libri IV-VI. 8 Per un più approfondito significato etimologico del termine mos e dell’espressione mos maiorum si veda quanto sostenuto da BENVENISTE 1976, pp. 386 e sgg. 9 Temi peraltro cari al passato repubblicano, incarnato dalla persona e dall’operato di Catone, il quale, rivestendo la carica di censore, non aveva esitato a sottolineare e combattere l’immoralità dei costumi romani, attaccando i senatori più illustri. Egli, autore della prima opera storica latina in prosa, Origines, giunta in frammenti, avrebbe, come sostiene FERRERO 1949, avviato un modo di fare storiografia che Sallustio prima e Livio dopo avrebbero perseguito. Sul tema si vedano anche MAZZARINO 1966 2 e LA PENNA 1968, pp. 124-137.
Anteprima della tesi: Livio e i mores della fondazione, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Livio e i mores della fondazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marthia Caleca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Rosa Rita Marchese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura latina
storia di roma
livio
mos maiorum
mores maiorum
instituta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi