; Skip to content

Odio i Pink Floyd - il punk inglese in un pugno di documentari

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
75 dietro le quinte non garantiscono la veridicità del personaggio, dato che Dylan sembra sempre recitare una parte. Personaggio quest’ultimo, come il David Bowie a cui lo stesso Pennebaker dedica Ziggy Stardust And The Spiders From Mars (1973) 142 , inafferrabile nel suo passare da personaggio a personaggio come un vero e proprio attore. Non è un caso che lo stesso Dylan verrà diviso in sei diverse personalità nel film biografico di Todd Haynes Io non sono qui (I'm Not There, 2007). La “persona” nel mondo dello spettacolo diventa indivisibile dalla sua maschera, per tale motivo il termine stesso (in latino “persona” stava appunto per “maschera”) 143 risulta quanto mai calzante. Nei documentari di Pennebaker e in molti rockumentary, abbiamo tre livelli su cui la macchina da presa si sposta: il teatro del live, il fuori-teatro dove i fan si raccontano e i camerini dove il personaggio si presenta in maniera più o meno genuina. L’intervista poi, elemento imprescindibile dei documentari monografici, partecipa nell’intento di rivelare l’aspetto più privato del musicista, con un sguardo più trasparente sul suo universo. Secondo M. Debora Farina 144 dalla metà degli anni Settanta il film-concerto, a parte alcune eccezioni, perderebbe la carica ideologica e sociologica che aveva avuto negli anni Sessanta. I documentari di grandi eventi alla Woodstock – Tre giorni di pace, amore e musica (Woodstock, Michael Wadleigh 1970), 145 in cui l’etica e l’estetica andavano di pari passo per costruire una testimonianza oltre che un documento politico per chi era lontano dallo stato di New York, fanno spazio a concert-movie che si concentrano sulla teatralità dell’esibizione e sull’estetica della rockstar oltre che del mezzo cinematografico stesso. I film sui grandi eventi erano una sorta di estensione della musica e giocavano col medium cinematografico adottando anche forme sperimentali (vedi lo split screen in Woodstock), ma con la fine del sogno e dell’innocenza hippy lo stesso “senso di perdita” diviene spesso il protagonista dei documentari: My Generation (Barbara Kopple, 2000), percorrendo il festival di Woodstock nelle edizioni del ’69, del ’94 e del ‘99, è un esempio di questa ricerca nostalgica di un passato ormai troppo lontano, ma è anche la testimonianza di un 142 “31 August 1979 (theatrical world premiere)” (da Wikipedia). 143 https://www.etimo.it/?term=persona 144 Cfr. M. Debora Farina, op. cit., p. 170-175. 145 Il film vince nel 1970 l’Oscar come miglior documentario e viene presentato al Festival di Cannes, decretando l’ingresso del film rock nel gotha del cinema d’arte.
Anteprima della tesi: Odio i Pink Floyd - il punk inglese in un pugno di documentari, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Odio i Pink Floyd - il punk inglese in un pugno di documentari

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Marino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Cinema, Televisione e Produzione Multimediale
  Relatore: Gino Scatasta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
punk
documentari
derek jarman
sex pistols
julien temple
clash
punkumentary
rockumentary
don letts

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi