; Skip to content

Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 siano spesso produttive 1 , portando ad un approfondimento di questioni di policy altrimenti date per scontate [Schön e Rein 1994, 8]. I conflitti sarebbero ineliminabili e produttivi anche in ambito scienti- fico [Kuhn 1969], quale mezzo per giungere ad una democratizzazione tanto del sapere quanto della stessa democrazia [Lascoumes 1999; Latour 2004]. In questo caso la funzi one decostruttiva verso il dato per scontato è tanto più evidente, con le controversie a riportare alla ribalta forme di razionalità che la storia della scienza non ha ritenu to pertinenti, ma che potrebbero invece fornire utili strumenti di conta- minazione e apprendimento riflessivo in un momento storico caratterizzato dalla crisi delle certezze [Nowotny, Scott e Gibbons 2001; Pellizzoni 2004; 2005c; Sancassiani 2004; Pantaleo 2005]. I nuovi tipi di conflitto, non direttamente attinenti alla sfera economica e politica, sarebbero in questa prospetti- va utili strumenti di institution building [Bifulco 2005b], portando al rinnovamento tanto di politica ed economia quanto della scienza, e al loro intersecarsi con la quotidianità e le pratiche sociali. Tali con- troversie socio-tecniche, che gravitano solitamente attorno a questioni ambientali e alla scala locale, porterebbero infatti alla “proliferazione del sociale” attraverso l’interazione anche conflittuale fra deten- tori del potere politico, detentori del sapere scientifico e “ profani”, che avrebbe a sua volta ripercussioni sull’elaborazione cognitiva collettiva dei problemi di policy. Configurando conseguenze pienamente politiche [Callon, Lascoumes e Barthe 2009], oltre che rappresentare un’opportunità di empower ment per le comunità locali 2 [Fedi, Rovere e Lana 2008; Bonvi n e R osens tein 2009]. La commisti one fra confli tto poli tico e controversie socio-tecniche trova la massima espressione nei sempre più diffusi conflitti territoriali, specie in ambito ambientale [Pellizzoni 2011a; Ambiente Italia 2007; Faggi e Turco 2002]. Nella visione di chi si oppone, l o scontro fra grandi progetti e reazioni locali [Dematteis e Governa 2001; B obbio e Dansero 2008; Trannoy 2007; Fourniau 1999] è legata alla retori- ca della resistenza del Davide locale all’arroganza del Golia dei poteri forti [Borelli 1999], mentre nell’ottica dei promotori chi si oppone lo fa solo in quanto spinto da egoismo conservatore. La disputa in questi casi sembra ancor più accesa nel caso in cui verta su politiche di localizzazione infrastrutturale, come nel caso delle linee ferroviarie ad alta velocità di cui si occupa la presente ricerca, dal momento queste presuppongono interventi irreversibili [Dente 2008; Balducci e Tessitore 1999; Klein 1999], per i quali non può pertanto essere valida la regola di democrazia sostanziale secondo cui nessuna questione dovrebbe essere chiusa una volta per tutte [Borghi e Sebastiani 2012, 12]. Indipendentemente dalla dife- sa di interessi privati, sarebbe la stessa percezione nei confronti delle infrastru tture ad essere cambiata. 1 Per una concezione sicuramente positiva sulle facoltà migliorative del conf litto, ma insieme più critica, si veda Hirschman [1994, 141; 1982; 1983] (cfr. Vitale [2003, introduzione]). 2 Sul concetto di empowerment nelle sue varie accezioni cfr. Bifulco, de Leonardis e Donolo [2001]; Behrouzi [2005]; Pimbert e Wakeford [2001]; Floridia [2006]. Come il capitale sociale, si connota insieme quale processo e prodotto, intrinsecamente relazionale, risultato di un’evoluzione di esperienze di apprendimento che portano un soggetto individuale o collettivo a superare una condizione di impotenza. Si configura come “ saper fare” caratte- rizzato da una condizione di fiducia, capacità di sperimentare e di confrontarsi attivamente con gli altri. Empo- werment significa dunque rafforzamento del potere di scelta, miglioramento di competenze e conoscenze in un’ottica di emancipazione politica [Pieroni 2005, 25]. Si può leggere sia a livello micro, come rafforzamento di potenzialità individuali, sia a livello meso, come aumento di potenzialità d’azione delle associazioni, sia a livello macro, come autodet erminazione della comunità locale rispetto a costrizioni esogene e strutturali. A livello comu- nitario si veda la definizione di Maggio e Selicato [2006, 12]: «Questo community empowerment [...] contribuisce a f orgiare cittadini migliori, più attivi e abili a rif lettere sui loro problemi, con un più f orte senso di responsabilità, capaci di produrre decisioni più stabili e legittimate, di migliorare la qualità dei processi di decision-making e di facilitare l’apprendimento. Inf ine, esso può avere effetti positivi anche sul piano istituzionale, rendendo le istitu- zioni più permeabili all’influenza della società civile». L’attivazione dei cittadini sarebbe dunque legata al loro coinvolgimento in un decision-making che, integrando un numero sempre maggiore di attori, diviene allargato e relazionale, con la creazione di una rete di soggetti depositari del potere decisionale condiviso. La nozione di em - powerment, seppur raramente richiamata in questi termini, sarà importante nell’analisi del “ laboratorio valsusino”.
Anteprima della tesi: Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Lastrico
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Sociology
Anno: 2011
Docente/Relatore: Ota de Leonardis
Correlatore: MauroBarisione
Istituito da: Università degli Studi di Milano
Dipartimento: Graduate School in Social and Political Sciences
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 534

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tav
rischio ambientale
movimenti sociali
processi decisionali
expertise
torino-lione
tecnocrazia
conflitti ambientali
arene allargate
alta velocità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi