Skip to content

A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden, Pagina 7
8 
 
Among the most representative theatrical figures of Restoration comedy, we can 
number “gulls”, who were caricatural characters of neoclassical middle-class society 
and “wits”, who, on the contrary, represented normal characters.                                                                        
Acting style was certainly so influenced by this parodic vision of middle-class 
society that it was repeatedly spoken of exaggeration in gestures and voice, in 
caricature which often proved to be magniloquent and solemn, even ridiculous.                                                                             
Then the heroic became the best way to speak ironically by emphasizing the 
incredibility of situations and heroic tragedy became the favourite genre of 
playwrights.                                      
As Cesare Molinari explains, in his work Storia del Teatro3, we could define 
Elizabethan theatre like a theatre in motion, as actors were ordinary mortals and 
audience could find its vices and virtues in them easily.                                                                                                                                            
Whereas what characterized Restoration theatre was stagnation, caused by 
solemnity of gestures and magniloquence of words; moreover, the parody of middle 
class (who, after all, watched performances) was hidden and implicit.                                                                            
The kinds of dramas and plays performed in this period, which enjoyed a larger 
audience, mainly belonged to the genres of heroic tragedy and comedy of manners.                                                                                                  
Both genres focused on the Restoration society, but tragedy had a greater fortune 
than comedy, as it  aimed at representing the events of aristocratic families who 
troubled themselves to defend their virtue in settings which were almost always 
exotic.                                                                                                               
On this point, it was important the introduction of heroic couplet, which, according 
to many tragedians of the time, gave a more solemn value to the subject, which was 
rather elevated and, above all, it renewed the way of making tragedies, in comparison 
with the most natural Elizabethan  blank verse.                                                                                                                 
With regard to development of comedy, instead, playwrights were less prolific, 
even though the genre of comedy of manners turned out to be triumphant on London 
stages.                  
                                                          
3
 Molinari, Cesare, Storia del Teatro, Laterza, Venezia, 1996, page 166 and following. 
 

Preview dalla tesi:

A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Traduttore: Antimina D'agostino
  Autore: Aleotti Adriana
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Giovanna Mochi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 100

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Due ''Tempeste'' a confronto: Shakespeare e Dryden"

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dryden
enchanted island
essay of dramatick poesie
essay of dramatick poesy
prospero
shakespeare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi