Skip to content

Analisi diacronica sul lessico di A.G.Roncalli / Giovanni XXIII

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Analisi diacronica sul lessico di A.G.Roncalli / Giovanni XXIII, Pagina 6
 7
Abbiamo anche una vivace descrizione della vita quotidiana in Bulgaria: parlando della domestica 
un po' litigiosa, scrive: "Con me essa stava in pace. Ma con Padre Metodio non c'era affatto modo 
che lo trattasse con rispetto. E' un numero anche lui perché è Macedone: e quindi non bisogna 
pestargli troppo sopra i piedi" 
29
 (da notare anche la ridondanza avverbiale “pestargli sopra”, tipica 
dell'uso familiare). 
Non sono poche anche le parole latine usate in funzione ironico-espressiva: per dichiarare la propria 
contrarietà ad un progetto iconografico, Giovanni XXIII scrive: "Degli 'ex libris' dirò che tutti mi 
piacciono [... ] di tutti mi dispiace lo sfondo nero che ha l'aria di ‘requiem aeternam’" 
30
 ; anni prima 
da Parigi il nunzio informava il vescovo bergamasco sulla situazione francese: "Del resto la vita qui 
va innanzi non male. C'è sempre qualche scrupus nelle scarpe, ma qualcosa ci vuole pure"
31
. In una 
lettera del '55 troviamo anche un termine dell'argot ecclesiastique 
32
, quando il cardinale Roncalli, 
proponendo una visita all'amico mgr. Battaglia, chiarisce scherzosamente che sarà una visita  di 
nascosto: "Tutto però sarebbe in nigris e senza alcuna pubblicità"
33
.  
Se i termini latini svolgono spesso una funzione ironica, in altri casi la funzione è del tutto opposta; 
è quasi ieratica quando nel '53 scrive, al vescovo bergamasco, sulle proprie intenzioni di  lavoro 
pastorale veneziano: "Mi spaventa un po' il molto da fare messo in cantiere dal magnanimo mio 
predecessore mgr. Agostini a Venezia; qualche prete malicieux dice che il clero mi aspetta come la 
‘quiete dopo la tempesta . Hoc erit probandum. Ho intenzione di lavorare secondo le mie forze"
34
. 
E' interessante notare in questa lettera la compresenza del francese, per attenuare la critica a 
"qualche prete" (probabilmente anche per sminuire la portata di quelle affermazioni), della citazione 
letteraria, ridotta contestualmente ad un senso comune, e della locuzione latina, che spicca per 
incisiva lapidarietà, espressivamente funzionale alla proposta del lavoro pastorale roncalliano: un 
magistero carismatico, autorevole non autoritario. 
In questa breve nota sulle locuzioni latine, non ho considerato quelle scritturali, ovviamente 
numerose, anche se sarebbe da segnalare l'uso spesso contestualizzato e non formulare della parola 
evangelica. Ad esempio (ed è esempio indicativo di quale fosse il carattere di papa Giovanni, ben 
distante dal tanto divulgato 'ottimismo bonario') scrive nel 1960: "'Noi non viviamo di illusioni. 
Come tante e tante altre volte nella storia - poiché nil sub sole novum - l'ora che il 
mondo sta attraversando è grave assai: grave e pericolosa" 
35
. 
Passando dalle metafore alle locuzioni proverbiali, notiamo usi comuni: popolari: "non si dicon 
quattro se non son nel sacco"
36
 ; storici: "Mi trovo come Pio II ad Ancona. Prima mi mancavano le 
navi per la spedizione: ora manco io alle navi"
37
 ; familiari: "Ohimé, qui da parecchie stalle aperte 
sono già scappati i buoi: e ce ne vorrà a farli rientrare"
38
 ; dialettali
39
 : "Io qui debbo tenere pane e 
fame coi rappresentanti delle parti opposte"
40
 . Può sembrare singolare una citazione gnomica (a 
proposito del papa malato) di questo tipo: "La sua vita [del papa] è un miracolo, ma i miracoli come 
sai durano poco tempo" .
41
 
Entriamo ora in questioni di pertinenza più esclusivamente lessicale (per gli elenchi dettagliati, cfr. i 
paragrafi successivi), documentando brevemente qualche caratteristica del registro definibile 
genericamente 'colloquiale' e di quello, per contrasto, più 'sostenuto'. 
                                                          
29
 LF vol. I, p. 229. 
30
 LPO, p. 79. 
31
 LVB, p. 122. 
32
 J. FOLLAIN, Petit glossaire de l'argot ecclesiastique, Paris, J.J. Pauvert 1962, p. 32. 
33
 Btg, p. 96. 
34
 LVB, p. 153. 
35
 LPO, p. 259. 
36
 LVB, p. 76. 
37
 LVB, p. 146. 
38
 LVB, p. 142. 
39
 I termini bisognevoli di spiegazioni lessicali, come "tenere parte e farne" (vd. 1.2.1.), saranno illustrati a loro luogo. 
 
40
 LVB, p. 72. 
41
 Ma non sarà estraneo anche il celebre "tornava bel bello" manzoniano. LF II, p. 367. 

Preview dalla tesi:

Analisi diacronica sul lessico di A.G.Roncalli / Giovanni XXIII

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Rizzoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1988-89
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Maria Luisa Altieri Biagi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

concordanze
lessico dei papi
lessico lingua e stile
linguistica
linguistica computazionale
papa giovanni xxiii

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi