Skip to content

Analisi storico-pedagogica del multiculturalismo nella Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige/Suedtirol

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Analisi storico-pedagogica del multiculturalismo nella Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige/Suedtirol, Pagina 7
principalmente da due fattori: la chiesa e la tradizione. Il primo fattore unificante era 
costituito dalla comune fede al cattolicesimo, il Tirolo veniva denominato Heiliges Land 
(Terra santa),  esso in  funzione della  propria dottrina universalista  aveva il  potere di 
unire le etnie nonostante le differenze culturali, “abbracciandole” sotto un'unica grande 
cultura o fede. Il secondo fattore era rappresentato dalla presenza di un comune mito 
regionale, rappresentato dalle gesta di Andreas Hofer che agli inizi dell'Ottocento aveva 
unito  gli  Schűtzen,  tra  cui  gli  Schűtzen  trentini,  contro  le  armate  Napoleoniche, 
riuscendo a respingerle. La presenza di questo corpo militare dei “difensori del Tirolo”, 
con  forti  connotati  folkloristici,  ha  rappresentato  un'ulteriore  elemento  di 
caratterizzazione  identitaria  diventando  un  simbolo  della  tradizione  tirolese.  Questi 
elementi, dal mio punto di vista hanno contribuito all'unione della Regione attraverso un 
comune sentimento di appartenenza avente la forza di superare le differenze linguistiche 
fintanto che tali simboli erano condivisi e non erano ancora stati messi in discussione 
dalle ideologie nazionaliste.
I fattori  disgreganti  e destabilizzanti  dell'unità tirolese si  svilupparono nella seconda 
metà dell'Ottocento attraverso il consolidarsi nel territorio delle ideologie nazionaliste, 
le quali fecero insorgere aspri conflitti etnici soprattutto tra popolazione di madrelingua 
tedesca  e  di  madrelingua  italiana.  Il  fenomeno  che  fece  accendere  tale  scontro  è 
scaturito dalla richiesta d'autonomia che il “Trentino” avanzava da tempo, rivolta ad 
ottenere un'autonomia amministrativa per i suoi 360.000 abitanti di lingua italiana. I 
deputati politici presentarono già dal 1848 continue proposte e progetti in tal senso che 
venivano regolarmente respinte  o rinviate  dal  parlamento viennese fino a  portare  la 
rappresentanza trentina alla scelta dell'astensionismo e al rifiuto di partecipare ai lavori 
parlamentari (il periodo di astensionismo più lungo si ebbe dal 1891 al 1900). Contraria 
all'autonomia era l'unanimità dei tirolesi tedeschi  che vedevano in questa richiesta il 
primo passo verso una separazione definitiva del Tirolo italiano. L'estremizzarsi delle 
posizioni che volevano l'autonomia per la minoranza italiana, portò verso l'inizio del 
XX secolo lo sviluppo del movimento irredentista trentino che, abbracciando gli ideali 
risorgimentali,  voleva  fare  in  modo  che  il  Trentino  entrasse  a  far  parte  dell'Italia. 
Questo movimento fu tutto sommato un fenomeno minoritario poiché gran parte della 
7

Preview dalla tesi:

Analisi storico-pedagogica del multiculturalismo nella Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige/Suedtirol

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Vanin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Manuela Gallerani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apprendimento
conflitto
conflittualità
confronto
emergenze pedagogiche
etnocentrismo
identità culturale
intercultura
metodi didattici
modelli integrazione
multiculturalismo
opzioni
politiche linguistiche
rapporto interetnico
riconciliazione
ruolo della scuola
seconda lingua
senso comune
statuto autonomia
storia trentino alto adige
südtirol
suedtirol
tedesco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi