Skip to content

Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia), Pagina 11
IL FERRO E LE MINIERE IN VALLE TROMPIA 
13 
 
Nel 1873, in società con il cugino Giuseppe Zamara, ottiene la concessione della 
miniera Regina Zoie, dove i lavori si svilupparono con alterne fortune fino al 1885, 
anno in cui i due cedono parte delle loro proprietà minerarie alla Società degli Alti 
Forni Acciaierie e Fonderie di Terni
27
. A Pezzaze, furono aperti nel 1883 il cantiere 
Regina e il cantiere Bandiera, mentre nel comune di Bovegno, grazie alla 
concessione Valle della Meola erano stati aperti i cantieri Pineto e Perpetua.  
Nel comune di Pezzaze il Ragazzoni non conseguì risultati economici significativi in 
quanto si trovò ad operare in condizioni precarie e con i vecchi metodi di 
coltivazione. Tuttavia la sua passione per l‟attività mineraria ed i suoi interessi per la 
geologia, gli impedirono di abbandonare completamente l‟avventura estrattiva; 
conservò alcune concessioni nel comune di Bovegno dove continuò il suo impegno 
imprenditoriale fino a che la salute glielo consentì. Lo stesso studioso ideò e progettò 
la “galleria di ribasso” per poter attaccare dal basso verso l‟alto i filoni di minerale 
della Regina Zoie e della Bandiera, agevolando l‟evacuazione dell‟acqua, presenza 
costante nelle miniere valtrumpline. Il progetto passò, nell‟aprile del 1886 alla 
“Società Alti Forni Fonderie e Acciaierie di Terni
28
”, nuova titolare della 
concessione, che diede inizio, nell‟ottobre del 1886, ai lavori di scavo della nuova 
galleria Stese. Questa galleria, tracciata con l‟utilizzo, per la prima volta in Valle, di 
perforatrici meccaniche a vapore, fu interrotta dopo 488 metri senza che si fossero 
trovati filoni di ferro di cui si era ipotizzata l‟esistenza.  
L‟esperienza lavorativa della “Terni” dura in realtà pochi anni, dal 1885 al 1889. Nei 
primi due, la società impiegò numerosi mezzi e quasi la totalità dei fondi per la 
realizzazione del cantiere Stese, mentre nel cantiere Bandiera eseguì solo lavori 
                                                 
27
 La Società degli Alti Forni Fonderie ed Acciaierie di Terni (SAFFAT) fu fondata il 10 marzo 1884 
a seguito di una serie di trasformazioni di società preesistenti. Nel 1873, infatti, nacque il primo 
nucleo del complesso siderurgico ternano con la ditta Lucowich, fonderia dotata di due altiforni per la 
produzione di ghisa per la fabbricazione di tubi. In seguito la fonderia fu rilevata dall‟ingegnere belga 
Cassian Bon, che costituì la Società degli Alti Forni e Fonderie di Terni Cassian Bon & C., società in 
accomandita per azioni, di cui furono azionisti principali Vincenzo Stefano Breda e la Società Veneta 
per Imprese e Costruzioni Pubbliche di cui Breda era presidente. La fondazione della SAFFAT 
avvenne a seguito della decisione degli azionisti di trasformare la “Cassian Bon” da società in 
accomandita ad anonima con un capitale sociale di sei milioni di lire, alla cui formazione 
contribuirono Breda in persona, la “Società Veneta” e un gruppo di capitalisti e banchieri veneti. La 
nuova società ebbe lo scopo di costruire e gestire impianti per la produzione di acciaio secondo le 
tecnologie più avanzate dell‟epoca. L‟acciaio era poi impiegato per la fabbricazione di corazze per le 
navi della Regia Marina. 
28
 Tra il 1885 e il 1888 saranno acquistati dalla società il forno fusorio Brolo di Bovegno, il forno 
Morina di Pezzaze e le miniere S. Aloisio a Collio, Perpetua a Bovegno, Regina Zoie e Valle della 
Megua a Pezzaze.

Preview dalla tesi:

Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Bregoli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia e gestione del patrimonio archivistico e bibliografico
  Relatore: Giorgetta Bofiglio Dosio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 420

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brescia
ferro
archivio
documenti
inventario
estrazione
miniera
carte
sistema museale di valle trompia
comunità montana di valle trompia
fratelli marzoli & c.
palazzolo sull'oglio
pezzaze
valle trompia

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi