Skip to content

Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia), Pagina 8
- PARTE PRIMA - 
 10 
Serenissima
12
 ed in parte per la carestia del 1816, che aveva notevolmente peggiorato 
le condizioni di vita dei minatori. Questi non solo erano retribuiti a cottimo, 
esclusivamente per il minerale utile che veniva estratto
13
, ma dovevano anche 
provvedere alla manutenzione e sostituzione degli attrezzi di lavoro
14
, di loro 
proprietà, così come all‟acquisto della polvere con cui si caricavano le mine e l‟olio 
per le lucerne. A Pezzaze tra il 1816 e il 1818 molte miniere vennero chiuse. 
Mancavano investimenti adeguati e neppure i privati, che facevano parte delle 
società titolari delle concessioni minerarie, si fidavano ad impegnare il loro denaro in 
un‟attività così discontinua (il lavoro dei minatori si svolgeva, infatti, 
prevalentemente nei mesi invernali, lasciando spazio, nei restanti mesi dell‟anno, alle 
attività agropastorali) ed incerta (non solo tra gelo e disgelo potevano verificarsi 
degli allagamenti, non erano rari i casi in cui l‟acqua invadeva le gallerie rendendo 
necessarie opere di prosciugamento lunghe e costose
15
, che spesso, in mancanza di 
mezzi, provocavano il loro abbandono)
16
. Le condizioni di lavoro erano assai dure, i 
mezzi impiegati molto poveri e le tecniche di scavo tanto arretrate
17
. Le fatiche erano 
immense: si era costretti a lavorare per ore, al buio, senza «aria spirabile e pura», in 
«antri profondi»
18
, cunicoli stretti e pozzi di ridotta dimensione per diminuire il 
pericolo dei crolli. La salute dei minatori era molto precaria: erano diffuse varie 
forme di infiammazione polmonare (la “pleuroperipneumonia” in particolare), 
aggravate dall‟abuso di alcool, dall‟avvizzimento della cute in età giovanile, dalla 
rachiticità e spesso anche dall‟infermità. Naturalmente la durezza delle condizioni di 
lavoro si ripercuotevano con più violenza sui ragazzi: nella relazione che Giuseppe 
Franzini, fa al cittadino Commissario Straordinario del Governo del Dipartimento del 
                                                 
12
 Cfr. Frumento, Una relazione inedita, pp. 63 - 74; Marchesi, Le miniere, p. 374. Molto interessanti 
sono le descrizioni che il gardonese Giuseppe Franzini (vicario provisionale e giudice alle materie 
minerarie) fa in un suo rapporto, accompagnato da quattro pagine introduttive, sullo Stato presente e 
preterito della già Valle Trompia, riguardante le miniere di ferro, edificj e rispettivo magistero, al 
cittadino Commissario Straordinario del Governo del Dipartimento del Mella in data 30 frimaio 
dell‟anno decimo della Repubblica Cisalpina (21 dicembre 1801). 
13
 Curioni, Sulla industria del ferro, p. 33 racconta che i minatori venivano pagati a giornata soltanto 
nei casi in cui il lavoro si trovava in una fase di scarsa produttività, mentre il sistema salariale 
ordinario era quello della paga a cottimo: il minerale estratto, misurato in “cavalli”, veniva pagato 
dopo che, portato alla luce, aveva subito una prima arrostitura, o “torrefazione”, nelle “ragane”, forni 
posti nelle immediate vicinanze della miniera, ed era stato meticolosamente cernito. 
14
 Vale a dire scalpelli, leve, mazze, e picconi. 
15
 Piardi – Simoni, Miniere e forni fusori, pp. 132 -134; si veda “Il problema delle acque”. 
16
 Simoni - Ghigini (a cura di), La via del ferro e delle miniere, pp. 21 - 22. 
17
 Piardi – Simoni, Miniere e forni fusori, pp.134 - 135. 
18
 Zanardelli, Lettere sulla esposizione bresciana, p. 79.

Preview dalla tesi:

Carte di Miniera. Inventario dell'archivio della Miniera Fratelli Marzoli & C. di Pezzaze (Brescia)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Bregoli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia e gestione del patrimonio archivistico e bibliografico
  Relatore: Giorgetta Bofiglio Dosio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 420

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brescia
ferro
archivio
documenti
inventario
estrazione
miniera
carte
sistema museale di valle trompia
comunità montana di valle trompia
fratelli marzoli & c.
palazzolo sull'oglio
pezzaze
valle trompia

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi