Skip to content

Comunità Europea e Stati Uniti di fronte alle guerre jugoslave

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Comunità Europea e Stati Uniti di fronte alle guerre jugoslave, Pagina 4
Forti erano già allora le spinte nazionaliste dei diversi popoli che abitavano la penisola: 
serbi, croati, sloveni, macedoni, montenegrini e musulmani bosniaci erano sparsi qua e 
là sullo scacchiere balcanico senza che al preciso senso di appartenenza corrispondesse 
uno Stato sovrano. Ad un primo sguardo potevano effettivamente sembrare popoli senza 
un paese, nazioni senza il loro proprio Stato; c'è però da chiedersi quale sia il confine 
esatto fra un popolo ed un altro, poichè a semplicizzare la questione si finirebbe con 
l'avallare per esempio la volontà separatista del popolo basco (nella Spagna orientale). 
Prima o poi queste forze centrifughe, quindi, sostenute dall' ideologia dei loro capi 
politici, avrebbero schiacciato quelle centripete delle ragioni economiche e dell'utilità 
dello "Stato cuscinetto" tra Occidente e Urss. Era solo questione di tempo: la morte di 
Tito, avvenuta nel 1980, costituì l'incipit di una crisi d'identità totale. 
Comunità Europea e Stati Uniti responsabili, dunque? Certo, ma non esclusivamente. 
Poiché, se è vero che sarebbero potuti intervenire tempestivamente, per mezzo di quel 
grandioso organismo sovranazionale che risponde al nome di Onu
1
, è vero anche che si 
ritrovarono a dover fare i conti con più personalità difficilmente gestibili: mi riferisco in 
particolar modo a Slobodan Milosevic e Franjo Tudjman, rispettivamente leader di 
Serbia e Croazia, ovverosia le due repubbliche più grandi ed influenti della ex-
Jugoslavia. E' infatti ugualmente, se non in percentuale maggiore rispetto alle 
superpotenze mondiali, imputabile ad essi la lunga serie di mattanze avvenute in 
Krajina, a Vukovar, a Srebrenica - solo per citare alcuni tra i nomi divenuti più 
tristemente celebri. 
L'atteggiamento spesso passivo, ostinato e quasi rurale di questi due capi di Stato ha 
complicato enormemente le cose: non si è trattato semplicemente di efferatezza, di 
aggressività strategica; in realtà la diplomazia europea ha da subito instaurato una sorta 
di dialogo per evitare il peggio, all'alba dell'emancipazione slovena. E Milosevic ha 
quasi sempre risposto in maniera positiva, dicendosi pronto a ritirare le proprie truppe 
dal territorio occupato, o perlomeno ad ordinare il cessate il fuoco: in tal modo, 
                                                 
1
 Organizzazione delle Nazioni Unite, nata il 25 aprile del 1945 per preservare la pace nel mondo, 
conseguentemente agli orrori della seconda guerra mondiale. E' attualmente formata da 192 paesi, cui 
scopo principale è quello di risolvere i principali problemi umanitari, economici e politici del pianeta. I 
diversi organi che la compongono sono l'Assemblea generale, formata dai rappresentanti di tutti gli stati 
aderenti; il Consiglio di Sicurezza, formato da dieci paesi membri a rotazione e cinque paesi membri 
permanenti (Cina, Stati Uniti, Russia, Francia e Regno Unito) con potere di veto; il Segretario delle 
Nazioni Unite; la Corte Internazionale di Giustizia, organo giuridico per quanto riguarda l'applicazione 
del diritto internazionale. 
3

Preview dalla tesi:

Comunità Europea e Stati Uniti di fronte alle guerre jugoslave

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Elia
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Bruno Mantelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi