Skip to content

Differenti traiettorie, medesimo risultato. Gli accordi commerciali e il “more for more” nelle relazioni Centro-Periferia tra UE e Vicinato meridionale. I casi studio di Algeria e Tunisia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Differenti traiettorie, medesimo risultato. Gli accordi commerciali e il “more for more” nelle relazioni Centro-Periferia tra UE e Vicinato meridionale. I casi studio di Algeria e Tunisia, Pagina 5
28 
 
Guardando da vicino le rivoluzioni avvenute nel 2011 nel mondo arabo, ci rendiamo 
conto come la dimensione socioeconomica emerga prepotentemente. I regimi autoritari in 
carica nei vari Paesi della regione mediorientale, Algeria e Tunisia in testa, basavano la propria 
esistenza sul contratto sociale tacitamente siglato con le rispettive popolazioni, secondo il quale 
i primi elargivano alle seconde benefici come educazione e sanità pubbliche, sussidi energetici 
e al cibo, protezione sociale e garantivano a esse occupazione pubblica, in cambio della loro 
acquiescenza politica data la mancanza di partecipazione politica e responsabilità.
46
 In questa 
cornice, nonostante gli anni post-indipendenza durante i quali quasi tutti i Paesi avevano 
conosciuto una crescita economica, a partire dagli anni Ottanta la stagnazione economica era 
divenuta la norma. Nella fase dei Piani di Aggiustamento Strutturale – riconducibili al 
cosiddetto “Washington Consensus” – tutti o quasi i Paesi avevano avviato una serie di riforme 
economiche rivelatesi poi fallimentari, le quali avevano avuto come unica conseguenza quella 
di accrescere una forma di capitalismo clientelare e nepotistico grazie al quale il regime al 
potere continuava a dominare la maggior parte degli interessi economici. In Algeria il Pouvoir 
controllava praticamente ogni dimensione della vita pubblica degli individui, mentre in Tunisia 
Ben Ali aveva ormai costruito una rete di potere economico e politico legata al proprio clan 
familiare. Il risultato principale di tale gestione era il peggioramento delle condizioni 
economiche e sociali della popolazione. Contemporaneamente, a livello demografico, la 
porzione di popolazione giovane diventava sempre di più la maggioranza, creando in 
prospettiva un’impennata nella domanda di nuovi posti di lavoro – la Banca Mondiale nel 2004 
aveva previsto la necessità di creare 100 milioni di posti di lavoro di lì a 15 anni semplicemente 
per stare al passo con le richieste emergenti.
47
 Tale peggioramento delle condizioni dei singoli 
individui è da interpretare come una violazione della dignità della persona che avveniva non 
soltanto in modo indiretto e sofisticato, come appena descritto, ma anche in modo più diretto 
attraverso un attacco diretto alla persona e ai suoi diritti. Basti pensare al fatto che l’Algeria 
decideva di togliere lo stato d’emergenza, introdotto alla fine della guerra civile degli anni 
Novanta, soltanto nel febbraio 2011 o alla sorte toccata al venditore ambulante Mohamed 
Bouazizi in Tunisia. In tal senso, può essere utile guardare alle rivoluzioni scoppiate in tutto il 
mondo arabo, a partire dalla Tunisia alla fine del 2010, come a una giuntura critica nella 
relazione che legava lo Stato alla società, nella consapevolezza che il modello di governo basato 
 
46
 Markus Loewe & Rana Jawad (2018), Introducing social protection in the Middle East and North Africa: 
Prospects for a new social contract?, International Social Security Review, 71:2, p. 6. 
47
 World Bank, 2004, Unlocking the Employment Potential in the Middle East and North Africa, Washington, 
DC.

Informazioni tesi

  Autore: Luca Bennati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Francesco Saverio Leopardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
algeria
vicinato
tunisia
accordo di associazione
more for more
aleca
centro e perifera

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi