Skip to content

Europa e migrazioni: narrative a confronto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Europa e migrazioni: narrative a confronto, Pagina 7
6 
 
che questa non avrebbe dovuto accettare affatto rifugiati (Momoc, 2016). In un’intervista sulla 
rete B1 TV possiamo ascoltare le seguenti parole da Băsescu:  
 
These ones are talking through bombs. They put bombs around their waist and detonate themselves 
in subway stations. We couldn’t even integrate the Roma people. How would we integrate the 
Muslims, of whom you don’t even know which are Shiites, which are Sunni 
 
Poco più tardi afferma: “What Muslims hate most are the Christians”. Da dichiarazioni di questo 
tipo non si può che evincere una contrapposizione radicale tra due poli, definiti in base alla 
confessione. Da una parte una popolazione cristiana e pacifica e dall’altra una musulmana e 
incline alla guerra. Non a caso, come afferma Momoc, con il pretesto del pericolo del terrorismo 
musulmano, politici nazionalisti in Slovacchia, Ungheria e Polonia dichiararono che avrebbero 
accettato esclusivamente siriani di religione cristiana e non avrebbero tollerato rifugiati non-
bianchi nel loro territorio nel contesto del sistema di ricollocazione europeo. È interessante 
notare il paradosso che porta Stati secolarizzati a tracciare linee di differenza sulla base della 
religione, con particolare attenzione all’Islam (Mazzucelli, 2016).  
Un’analisi dei contenuti pubblicati sui social network dalla diaspora indiana (Leidig, 2019) 
dimostra come anche le comunità hindu, sikh e cristiane nel Regno Unito e negli Stati Uniti si 
avvalgano della religione per tracciare linee di differenza. Essi infatti riproducono visioni 
negative dei migranti musulmani con lo scopo di discostarsi e distinguersi da essi proprio per 
mezzo della diversa confessione. Nei loro post su Twitter, i musulmani sono spesso descritti 
come violenti, specialmente con lo scopo di causare distruzione. Le accuse nei confronti dei 
musulmani sono molte e di particolare gravità, come possiamo vedere dalle parole dell’autrice: 
 
Links to ISIS or terrorist activity is frequently cited as a major concern. Similarly, Muslims are 
described as a “cancer” in relation to Islam as a “poisonous ideology”. Further references to Islam 
include describing the Prophet Mohammed as a pedophile and rapist, and consequently, Western 
women as targets of “rape” or “sex slaves” by Muslims continuing Islamic practice. Tweets also 
frequently describe Muslims in reference to immigration. Portrayed as “cockroaches”, Muslims are 
seen as invaders constantly “breeding” in or-der to destruct Western/European “civilization”. 
Consequently, they are viewed as foreigners who must be deported.

Preview dalla tesi:

Europa e migrazioni: narrative a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maira Fioretti
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Interfacoltà di Lettere e Filosofia, Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione
  Corso: Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale
  Relatore: Elena Ambrosetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi