Skip to content

Evoluzione del ruolo del cliente, markentig e tecniche di vendita dei prodotti erboristici

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Evoluzione del ruolo del cliente, markentig e tecniche di vendita dei prodotti erboristici, Pagina 6
 11 
delle cause. La medicina ippocratica segna il definitivo distacco dall’idea che la malattia 
fosse originata da motivi soprannaturali, ma si scontra su grandi limiti.  
Infatti, Ippocrate e poi successivamente Galeno (scienziato e medico del II secolo d.C.) 
gettano le basi della medicina che si studia ancora oggi, ma bisognerà aspettare fino al 
1600 affinché gli studi di anatomia diano dei risultati che è possibile applicare in ambito 
medico. Prima di allora infatti si conosceva ben poco l’anatomia umana, poiché era 
proibito sezionare i cadaveri, e ci si rifaceva principalmente agli studi sugli animali. Le 
idee sulla circolazione del sangue e su altri aspetti anatomici dell’organismo umano 
erano approssimative e molto spesso completamente errate. Inoltre, non si erano ancora 
capite le cause delle malattie, né che queste potevano colpire anche solo un singolo 
organo e si dovrà aspettare il 1878 per capire che le malattie possono essere causate da 
microrganismi. 
 
Nel 1600 l’evoluzione delle tecnologie permette l’applicazione del metodo scientifico 
anche alla farmacologia: tra i due secoli successivi vengono compiuti numerosi studi, 
tentativi e sperimentazioni di erbe e prodotti naturali sugli animali, analizzandone e 
registrandone gli effetti. Alla fine del 1700 si scopre l’efficacia di inoculare il virus 
inattivo di una malattia per immunizzarsi dalla stessa (il vaiolo) e la vaccinazione 
diviene una realtà prima per le truppe impegnate in guerra, poi per tutta la popolazione.  
All’inizio dell’’800 gli anestetici permettono di operare i pazienti senza che questi 
sentano dolore, e poco tempo dopo anche gli antipiretici diventano una realtà. 
  
Il ‘900 è il secolo delle grandi scoperte scientifiche in molteplici ambiti, tra cui anche 
quello della farmacologia. La prima vera rivoluzione si ha con la scoperta/invenzione 
dei sulfamidici, gli antibiotici che guariscono le infezioni da pneumococco che causano 
la polmonite; successivamente la penicillina che sconfigge le infezioni batteriche 
causate da gram positivi. Finalmente si riescono a sconfiggere molte malattie di cui 
prima non esisteva cura. I farmaci diventano fondamentali in guerra, dove vengono 
pagati e ricercati quanto le armi.  
Negli anni ’50 vengono effettuati i primi studi farmacologici, che consistono nelle 
prime sperimentazioni in cieco e nello studio dell’effetto placebo. Negli anni ’60 le 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Evoluzione del ruolo del cliente, markentig e tecniche di vendita dei prodotti erboristici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Succi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze e Tecnologie dei Prodotti Erboristici, Dietetici e Cosmetici
  Corso: Scienze e Tecnologie dei Prodotti Erboristici, Dietetici e Cosmetici
  Relatore: Alessandro Bruni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

addetta alla vendita
benessere
bisogno
cliente del benessere
desiderio
fitoterapia
l'erbolario
lay out
markentig mix
marketing
prodotti di automedicazione
prodotti erboristici
prodotti farmaceutici
punto vendita
salute
sondaggio dei bisogni
tecniche di vendita
visual merchandising

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi