Skip to content

Female Characters in the Shakespearian Tragedies

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Female Characters in the Shakespearian Tragedies, Pagina 4
The notion of calling this period "the Renaissance" is a modern invention, having been 
popularized by the historian Jacob Burckhardt in the nineteenth century. The idea of the 
Renaissance has come under increased criticism by many cultural historians, and some have 
contended that the "English Renaissance" has no real tie with the artistic achievements and 
aims of the northern Italian artists (Leonardo, Michelangelo, Donatello) who are closely 
identified with the Renaissance. Indeed, England had already experienced a flourishing of 
literature over 200 years before the time of Shakespeare when Geoffrey Chaucer was working. 
Chaucer's popularizing of English as a medium of literary composition rather than Latin was 
only 50 years after Dante had started using Italian for serious poetry. At the same time William 
Langland, author of “Piers Plowman”, and John Gower were also writing in English. The 
Hundred Years' War and the subsequent civil war in England known as the Wars of the Roses 
probably hampered artistic endeavor until the relatively peaceful and stable reign of Elizabeth I 
allowed drama in particular to develop. Even during these war years, though, Thomas Malory, 
author of “Le Morte D'Arthur”, was a notable figure. For this reason, scholars find the 
singularity of the period called the English Renaissance questionable; C.S. Lewis, a professor 
of Medieval and Renaissance literature at Oxford and Cambridge, famously remarked to a 
colleague that he had discovered that there was no English Renaissance, and that if there had 
been one, it had no effect whatsoever
1
. 
Historians have also begun to consider the word "Renaissance" as an unnecessarily 
loaded word that implies an unambiguously positive "rebirth" from the supposedly more 
primitive Middle Ages. Some historians have asked the question "a renaissance for whom?," 
pointing out, for example, that the status of women in society arguably declined during the 
Renaissance. Many historians and cultural historians now prefer to use the term "early modern" 
for this period, a neutral term that highlights the period as a transitional one that led to the 
modern world, but does not have any positive or negative connotations. 
Other cultural historians have countered that, regardless of whether the name 
"renaissance" is apt, there was undeniably an artistic flowering in England under the Tudor 
monarchs, culminating in Shakespeare and his contemporaries. The key literary figures in the 
                                                 
1
 Apud.  Cazamian, Louis and Legouis, Emile – “A History of English Literature”, “The Middle Ages and The 
Renaissance”, Book IV – The Flowering of the Renascence (1578 – 1625) ,Chapter I – General Characteristics of 
the Great Period,  p. 246 , by Legouis, Emile, Translation from the French by Helen Douglas Irvine – Revisited 
Edition, London, J. M. Deut & Sons Ltd., 1971. 
 7

Preview dalla tesi:

Female Characters in the Shakespearian Tragedies

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Mustatea
  Tipo: International thesis/dissertation
  Anno: -
  Facoltà: Limbă şi Literatură
  Corso: Limba şi literatura modernaă
  Relatore: Hanţiu Ecaterina
  Lingua:
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

shakespeare
english literature
shakespearean plays
females

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi