Skip to content

Gli aspetti istituzionali della riforma dell'OSCE

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Gli aspetti istituzionali della riforma dell'OSCE, Pagina 4
partecipanti stavano dando i loro risultati:in tutta Europa infatti (compresi gli Stati del 
blocco socialista) erano nati “Comitati di Helsinki” con il fine di sollecitare i governi 
partecipanti al rispetto degli impegni contratti e alla loro attuazione all’interno dei confini 
nazionali,soprattutto per quanto riguardava i diritti civili. Al di là delle incomprensioni tra 
governi su singole questioni,occorre sottolineare la vera novità di questi incontri,cioè il 
tentativo di costruire la sicurezza internazionale partendo dal garantire la libertà delle 
persone:era un nuovo concetto “allargato” di sicurezza che non si limitava agli aspetti 
strettamente militari e politici ma comprendeva anche il rispetto dei diritti umani,la tutela 
dell’ambiente,l’educazione e la promozione dell’iniziativa economica privata,che fu 
riconosciuta come elemento irrinunciabile nonostante le perplessità dei governi sotto 
l’influenza sovietica. A questo proposito Ghebali sostiene,con una metafora artistica,che 
“En tant que laboratoire normatif et conscience morale de la Grande Europe,elle(la CSCE)  
apporta à la chute du communisme une contribution subtile –mais rèelle – illustrant par la 
meme la pertinence de ce qu’Andrè Gide appellait « la part de Dieu » :ce qu’un artiste 
injecte dans une oeuvre à son propre insu. Initialement,les Etats partecipants 
mèconnurent ou sous-estimerent la « part de Dieu » contenue dans l’Act final de la CSCE. 
Ils en prirent conscience à partir de 1976,avec le dèvellopement –en URSS et dans les 
democraties populaires – du phénomène des « Groupes de surveillance d’Helsinki ». " 
All’incontro della CSCE a Madrid nel 1980 la situazione iniziava a sbloccarsi:non si poteva 
ancora parlare di concordia e di azione comune,ma il dissenso sulle proposte era meno 
grave rispetto a Belgrado. Per la prima volta si parla di un processo CSCE avviato nel 
1975,della sua importanza per la sicurezza in Europa e del suo “alto significato politico” . 
Tuttavia la determinazione degli Stati partecipanti a continuare il cammino intrapreso non 
dipendeva solo dalla buona volontà o dalla responsabilità verso la comunità 
internazionale,ma anche dal terrorismo che in quegli anni cominciava a diffondersi:si 
trattava di gruppi indipendentisti non collegati tra loro,ben diversi dal terrorismo 
attuale,ma a quei tempi tutti gli Stati europei avevano già compreso la pericolosità che 
potevano avere delle formazioni sovversive nascoste tra la gente comune. Nonostante ciò,la 
fiducia degli Stati nella cooperazione e nel rifiuto della guerra non era diminuita:fu 
confermata la conferenza sulle libertà fondamentali già annunciata a Helsinki,e ne fu 
indetta una sui contatti umani,a conferma del forte legame tra sicurezza e rispetto della 
persona che era fin dall’inizio una delle basi della CSCE. 
La CSCE di Vienna si aprì nel 1986 con una discussione "franca e aperta" in cui tutti 
riconobbero che l'attuazione degli impegni assunti fino a quel momento era stata 
decisamente inadeguata,in particolare per quanto concerneva il rispetto dei diritti umani,e 
 6

Preview dalla tesi:

Gli aspetti istituzionali della riforma dell'OSCE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Cargnino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Diritto delle Pubbliche Amministrazioni e delle Organizzazioni internaziona
  Relatore: Edoardo Greppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

csce
diritto internazionale
helsinki
istituzioni
organizzazione internazionale
osce
panel
panieri
riforma
sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi