Skip to content

Graffitismo a Bologna: analisi della scritta murale in tre quartieri

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Graffitismo a Bologna: analisi della scritta murale in tre quartieri, Pagina 2
5 
 
Capitolo 1 - Storia del Graffitismo 
 
Il graffitismo nacque nella tarda metà degli anni „60 a Philadelphia, ma si diffuse più intensamente 
a New York, in particolare a Washington Heights una sezione di Manhattan. Nel 1971 il New York 
Times pubblicò un articolo su uno dei primi graffitari, Taki 183. Taki, il cui vero nome era 
Demetrius, era un ragazzo residente nella zona e 183 era il numero della via dove viveva. Egli 
lavorava come corriere e viaggiando sempre in metropolitana la scelse come luogo nel quale 
eseguire con ripetizione la propria tag. La diffusione straordinaria di questa scritta attiro la curiosità 
pubblica e mediatica. Ragazzi di tutta città compresero la fama e al notorietà che poteva essere 
raggiunta imprimendo la propria firma sui vagoni della metropolitana e iniziarono ad emularlo, 
cominciando a competere l‟uno sull‟altro. L‟ammontare di graffiti sui treni raggiunse livelli 
altissimi. In questa fase scrivere sui muri consisteva per lo più nel realizzare tags e l‟obiettivo era 
produrne il più possibile. Dopo poco tempo, i graffitari capirono come agendo direttamente nel 
deposito dei treni se ne potessero dipingere di più in meno tempo, fù così che lo yard divenne uno 
dei campi d‟azione nel quale ancor oggi si gioca l‟identità writers.  
Dopo un po‟ di tempo, c‟era talmente tanta gente impiegata nello scrivere che i writers dovettero 
trovare un‟altra strada per raggiungere la fama. La prima strategia fu quella di rendere la propria tag 
unica. In questo periodo si svilupparono vari tipi di stile calligrafico spesso accompagnati da 
disegni stilizzati, come la corona, comunemente utilizzata dai writers che si auto proclamavano 
“King of the lines”. 
Probabilmente la più famosa tag nella storia del graffitismo è STAY HIGH 149, il suo creatore 
utilizzò una sigaretta accesa al posto della sbarra dell‟H e un omino stilizzato, preso in prestito e 
reinterpretato dal logo della serie televisiva “TheSaint”. 
Un successivo sviluppo portò i writers ad ingrandire la scala delle proprie tags, essi iniziarono a 
trovare sul mercato bombolette spray in grado di realizzare getti più larghi di colore: nacquero così i 
masterpieces.  
Le lettere tridimensionali diedero l‟opportunità di personalizzare ulteriormente il proprio nome, 
lasciandosi guidare dalla propria immaginazione nel riempimento dei contorni.  
Questo primo periodo di creatività non passò inosservato, tantè che persino il sociologo Hugo 
Martinez, dopo aver legittimato il potenziale artistico delle nuove generazioni emergenti, fondò 
l‟United Graffiti Artists. Egli, dopo aver selezionato i migliori writers attivi, diede loro 
l‟opportunità di esporre le proprie creazioni nell‟ambiente formale di una galleria. Nel 1973 uscì sul 
New York Magazine un articolo di Richard Goldstein intitolato "The Graffiti Hit Parade", si trattò 
del primo riconoscimento pubblico che i writers ebbero a livello sociale.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Graffitismo a Bologna: analisi della scritta murale in tre quartieri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabiana Movalli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Asher Daniel Colombo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bologna
adolescenza
contestazione
murales
identificazione
identità
periferia
controllo sociale
degrado
urbano
tag
writing
pilastro
quartiere
writer
graffitismo
graffito
masterpiece
comunicazione
street art
vandalismo
arte urbana
metropolitano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi