Skip to content

GRATIA UND ANMUT - Von der christlichen gratia zur Ästhetik der Anmut vom Rokoko bis Schiller

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: GRATIA UND ANMUT - Von der christlichen gratia zur Ästhetik der Anmut vom Rokoko bis Schiller, Pagina 4
 4 
Bedeutung “Gnade” (im Sinn Erlösung) schon seit der Itala, und in dieser 
Bedeutung ist es zuerst im Französischen belegt.”3 
Zum Unterschied vom Italienischen, Französischen und Englischen, lassen 
sich im Deutschen nicht alle Bedeutungen von gratia mit einem einzigen Wort 
ausdrücken. Einerseits wird nämlich die Bedeutung der Gefälligkeit und 
Lieblichkeit mit den Wörtern Anmut, Reiz und Grazie wiedergegeben - wobei zwar 
Reiz sich eher der dem Rokoko eigentümlichen frivolen Auffassung des Wortes 
ziemt und Anmut vielmehr dem ethisch-ästhetischen Sinn bei der deutschen 
Ästhetik des 18. Jahrhunderts zum Ausdruck dient. Andererseits wird jedoch die 
Bedeutung der Gunst und Huld durch das Wort Gnade ausgedrückt, womit auch der 
religiöse Sinn gemeint wird. Unter den eben erwähnten deutschen Wörtern weist nur 
Grazie eine lateinische Herkunft auf. Wie es dem Deutschen Etymologischen 
Wörterbuch Kluge4 entnommen werden kann, hat dieses Wort um 1700 als Grace 
seinen Ursprung, nämlich als Lehnwort der französischen grâce, die ihrerseits 
gerade aus der lateinischen Sprache stammen würde. Später sei es durch Grazie 
verdrängt worden, und zwar als Winckelmann 1759 zum ersten Mal in seiner Schrift 
Von der Grazie in den Werken der Kunst diesen Ausdruck verwendete. Grazie gilt 
aber bloß als Synonym für Anmut und Reiz. Die religiöse Bedeutung wird dagegen 
durch das Wort Gnade ausgedrückt, dessen Ableitung keineswegs lateinisch ist. 
AHD ginada und MHD5 g(e)nade, von denen eben Gnade abstammen würde, sind 
“Substantivbildungen zu einem in germanischem Sprachbereich nur im Gothisch 
bewahrten Verb ni Υan = unterstützen, helfen, dessen weitere Herkunft unbekannt 
ist.”
6
 Die Grundbedeutung des Verbs ni Υan war “sich neigen” und konnte entweder 
als “sich zur Ruhe neigen”, oder als “sich huldvoll neigen” verstanden werden. 
Keine von diesen beiden Bedeutungen wies urprünglich einen religiösen Sinn auf, 
aber die zweite wurde um 700 von irischen Glaubensboten verwendet, um das 
                                                          
3
 Vgl. Wartburg, Französisches Etymologisches Wörterbuch. Eine Darstellung des galloromanischen 
Sprachschatzes, Basel Helbing & Lichtenhahn 1952. 
4
 Vgl. Friedrich Kluge, Etymologisches Wörterbuch der deutschen Sprache, Berlin-New York 1975. 
5
 AHD = Abkürzung von Althochdeutsch; MHD = Abkürzung von Mittelhochdeutsch. 
6
 Vgl. Duden, Das Herkunftswörterbuch, Etymologie der deutschen Sprache, Bibliographisches Institut-
Mannheim, Dudenverlag 1963. 

Preview dalla tesi:

GRATIA UND ANMUT - Von der christlichen gratia zur Ästhetik der Anmut vom Rokoko bis Schiller

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Pasqualini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Antonio Liberi
  Lingua: Tedesco
  Num. pagine: 265

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anima bella
anmut und schöne seele
anmut und würde
anmut, huld und gnade
bellezza come libertà nel fenomeno
bellezza interiore
freiheit in der erscheinung
grazia e bellezza
grazia e dignità
grazia espressione di libertà
kallias briefe
la teoria della grazia di schiller
lessings laokoon
libertà dell'uomo
marthin luther
outward and moral grace
pflicht und neigung
s. paolo e la grazia
schöne seele
stille grösse und edle einfalt
william hogarth e la linea della bellezza
winckelmann

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi