Skip to content

Il Federalismo Americano e l’esperienza dell’integrazione Europea. Due esperimenti a confronto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il Federalismo Americano e l’esperienza dell’integrazione Europea. Due esperimenti a confronto, Pagina 6
  13  l’ambito dei commerci, in modo tale da formare un mercato unico. Al governo centrale fu 
inoltre affidato il potere di regolare i traffici con le altre nazioni
9
. La preminenza e il potere 
aggregante del mercato ci inducono a ricordare come sia stato questo a trainare per un lungo 
periodo, come diremo a breve, le comunità europee. Si nota già qui, quindi, un primo aspetto 
di notevole somiglianza, sul quale si ritornerà più approfonditamente. 
La Costituzione instaura un tipo di governo separato, o per dirla con Neustadt “the 
constitutional convention of 1787 is supposed to have created a government of separated 
powers. Nothing of the sort. Rather, it created a government of separated institution sharing 
powers”
10
. La differenza non modifica la sostanza, esiste una separazione a tutti i livelli, 
verticale, orizzontale e temporale, ma l’unico modo di governare è mettendo d’accordo i vari 
organi. Tutti, come vedremo, hanno infatti diritto di veto
11
. La Costituzione esprimeva la 
volontà collettiva tramite la sua funzione vincolante, ma si opponeva ad una sua tracimazione 
delimitando i poteri di ogni sfera d’autorità e rendendoli mutuamente vincolanti. La Carta 
fornì un quadro istituzionale che addomesticò le diverse ambizioni degli Stati così come 
quella del governo federale, spianando la strada all’Unione
12
. “Separation is made possible 
because the principal institutions of government (in this case, the presidency and Congress 
[…]) are endowed with both reciprocal independence and autonomous legitimation (which are 
therefore the basis for their respective processes of institutionalization)”
13
. 
Ogni membro del Congresso rappresenta territorialmente il distretto nel quale è eletto e 
rimane in carica per due anni. Il Senato, invece, coincide perfettamente con la camera di 
rappresentanza territoriale dei sistemi federali, esso è indubitabilmente “paladino degli 
Stati”
14
. La costituzione del Senato garantisce che nella prassi politica siano ben rappresentati 
i punti di vista alternativi e regionali nei confronti dell’interesse nazionale come unicum. I 
senatori rimangono in carica sei anni e si rinnovano per un terzo ogni due anni, in 
corrispondenza con la scadenza del Congresso. Al Senato venne affidato un ruolo cruciale nel 
sistema madisoniano di controlli e bilanciamenti. In particolare nei settori che erano di diretto 
interesse degli Stati, come la politica giudiziaria, conferendogli il potere di veto nella nomina 
dei membri della corte Suprema, e la politica estera e militare, con il potere di veto 
                                                              9
 S. Ventura, op. cit,. pag. 42 
10
R. E. Neustadt, Presidencial power, the politics of leadership from FDR to Carter, John Wiley & Sons, Inc., 
1980, pag. 26 
11
 S. Fabbrini., L’America e i suoi critici, op. cit., pag. 47 
12
C. A. Kupchan, La fine dell’era americana, Vita e pensiero, Milano, 2003, pag 318 
13
 S. Fabbrini, “The American System of Separated Government: An Historical–Institutional Interpretation”, 
International political science review, vol. 20, nem.1, 1999, pag. 96 
14
 R. A. Dahl, op. cit., pag. 35

Preview dalla tesi:

Il Federalismo Americano e l’esperienza dell’integrazione Europea. Due esperimenti a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Pacella
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Silvio Fagiolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
sovranità
confederazione
federazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi