Skip to content

Il Liber manualis, commento ai salmi penitenziali, 118 e graduali di Alcuino di York

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il Liber manualis, commento ai salmi penitenziali, 118 e graduali di Alcuino di York, Pagina 4
prima e della seconda generazione fu impegnata proprio nella messa a punto di 
strumenti che, strettamente connessi all’azione riformatrice di Carlo Magno, avevano 
il compito di fornire materiale di studio per la scuola. 
Anche in questo caso Alcuino svolse il ruolo di pioniere. Il maestro di York 
compone agiografie
9
, trattati didascalici, opere teologiche
10
 e numerosi componimenti 
in versi, epigrammi e poesie d’occasione dedicate ai discepoli e agli amici della corte 
franca
11
.  
Accanto a questi testi, letterariamente più significativi, non bisogna dimenticare 
una ricca produzione didascalica. Ci riferiamo in particolare a tre opuscoli dedicati 
alle arti del trivio: un De grammatica
12
, un Dialogus de rhetorica et virtutibus
13
, un  
De dialectica
14
 a cui è da affiancare un trattato dedicato all’ortografia tramandato in 
due diverse redazioni
15
, e, a cappello delle tre operette, la Disputatio de vera 
                                                 
9
 Gli scritti agiografici sono in tutto quattro: la Vita sancti Willibrordi, nella duplice redazione in prosa e in versi (BHL, 
nn. 8535-38; MGH SS. rer. Mer. VII, pp. 81-141, la versione in prosa; MGH Poetae I, pp. 207-20, la versione in versi), 
la Vita sancti Vedastis (BHL, nn. 8506-8508; PL CI, coll. 663-78), la Vita sancti Martini (BHL, n. 5625; PL CI coll. 
658-662) e un libellus agiografico dedicato al santo merovingio Ricario di Saint-Riquier, la Vita sancti Richarii (BHL, 
nn. 7223-7; MGH SS. rer. Mer. IV, pp. 389-401). Sulla produzione agiografica di Alcuino, cfr. I Deug Su L’opera 
agiografica di Alcuino, Spoleto 1983.  
10
 Durante tutta la sua vita, Alcuino interviene nel dibattito teologico del suo tempo con  scritti 
dogmatici ed epistole in difesa dell’ortodossia: tra gli scritti teologici, rivestono una particolare 
importanza le confutazioni dell’eresia adozionista, condannata nel concilio di Francoforte del 794: 
Adversus Felicem Urgellitanum episcopum, diviso in sette libri (PL CI, coll. 85-230; Liber Alcuini 
contra haeresim Felicis, ed. a cura di G.B. Blumenschine, Città del Vaticano 1980) e Adversus 
Elipandum Toletanum in quattro libri (PL CI, coll. 231-300; cfr. anche l’edizione parziale di P.V. 
Gonzalez, Alcuin’s “Adversus Elipandum libri IV” Books I-II, Dissert. Abstracts 32 A, 1971-72, 
57-59). Alcuni anni dopo, probabilmente intorno all’802, Alcuino invia a Carlo il suo scritto 
dogmatico più importante, il De fide sanctae et individuae Trinitatis, in cui descrive e sistematizza 
le proprietà distinte e l’azione congiunta delle tre Persone divine nell’economia della Salvezza, 
usando come fonte principale il De Trinitate di Agostino (PL CI, coll. 13-58; l’epistola dedicatoria 
a Carlo Magno è pubblicata in MGH Epist. IV, p. 414 e sgg.). Nella prefazione l’autore definisce la 
sua opera, vicina cronologicamente sia all’Enchiridion che al commentario all’Ecclesiaste, come un 
manualis libellus; cfr. MGH, Epist. IV, p. 414: ”Ne vero meae in Domino devotionis studium otio 
torpens, vestro in praedicatione catholicae fidei deesset adjutorio, direxi sanctissimae auctoritati 
vestrae de fide sanctae et individuae Trinitatis, sub specie manualis libelli, sermonem, ut divinae 
laus et fides sapientiae sapientissimi hominum probaretur judicio” 
11
 MGH, Poetae I, Berlino 1881; la più antica delle opere che conosciamo è un poema in esametri, i Versus ecclesiae 
Eboracensis, composto negli anni in cui Alcuino insegnava a York; da ricordare anche il De clade Lindisfarnensis 
monasterii (per il saccheggio del monastero di San Cutberto a opera dei normanni nel 793), il De cuculo, i Versus ad 
Carolum regem, ad Leonem papam, i Praecepta vivendi quae monastica dicuntur, le numerosissime Inscriptiones per 
chiese e monasteri, gli Aenigmata, gli epitaffi. 
12
 PL CI, coll. 854-902. 
13
 PL CI, coll. 919-950. 
14
 PL CI,coll. 949-976. 
15
 Alcuino, De orthographia, ed. a cura di S. Bruni, Firenze1997. 

Preview dalla tesi:

Il Liber manualis, commento ai salmi penitenziali, 118 e graduali di Alcuino di York

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Guidi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Silvia Cantelli Berarducci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 371

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bibbia
carolingi
cassiodoro
esegesi
pseudo-girolamo
sant'agostino
letteratura latina
salmi penitenziali
centoni
alcuino di york
liber manualis
letteratura medievale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi