Skip to content

Il pensiero socio-economico di Gaetano Mosca

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il pensiero socio-economico di Gaetano Mosca, Pagina 10
13 
 
stessa comunanza storica che, secondo l‟autore, rendeva compatti e solidali gli individui fra 
loro; la tradizione e le vicende passate erano dunque un fattore importantissimo, che svolgeva 
una funzione suppletiva, cementifera. L‟altro fattore invece, l‟unità di razza, cioè che i popoli 
appartenenti al medesimo ramo della specie umana, aventi somiglianze fisiche e morali, 
fossero facilitati nel costituirsi in nazioni, era ritenuto un elemento debole. Secondo il 
palermitano infatti, il “tipo nazionale” non era né ereditario, né legato i tratti fisici 
dell‟individuo o allo spirito di corpo, ma piuttosto era connesso all‟ambiente in cui si viveva. 
Per queste ragioni, Mosca era contrario al plebiscito come strumento di identificazione 
nazionale, sia perché agiva solo a posteriori, sia perché coinvolgeva emotivamente e non 
razionalmente le masse: «Noi per un certo nostro ordine d‟idee, non crediamo che il suffragio 
universale possa esser mai una vera e seria manifestazione della volontà del Paese»
18
. 
Emergeva già qui, in nuce, il suo elitismo e la sua diffidenza verso le masse: era la parte colta 
della società “civile” che doveva prendere coscienza di sé e proporsi come alternativa al 
Governo, se ritenuto oppressore e straniero. In conclusione, l‟autore fece notare come la 
nazionalità fosse un principio giuridico privo d‟importanza, che però spesso veniva utilizzato 
in maniera strumentale: «Quando si deve far la guerra ci vuole una ragione (…); ebbene in 
mancanza di migliori, il principio di nazionalità potrà sempre interpretarsi in maniera che 
qualcheduna ne presti. Così va il mondo nel secolo decimonono»
19
. In tempi non sospetti, 
lontani dai nazionalismi del Novecento, ma ancora freschi dagli echi del Romanticismo 
tedesco e dai moti liberali che scossero l‟Europa nei primi decenni del diciannovesimo secolo, 
Mosca studiò razionalmente l‟idea di nazionalità. Secondo un approccio realista e fondato 
sulla storia, l‟autore non si fece influenzare dai facili venti di riscossa nazionale, né dalle 
teorie razziste in voga, piuttosto si mostrò cauto nella formulazione di tesi e scettico rispetto a 
soluzioni semplicistiche, univoche e che smuovessero emotivamente  le masse. 
 Nel 1883 il giovane venticinquenne siciliano compose la sua prima opera organica: 
Sulla Teorica dei Governi e sul Governo Parlamentare, destinata a suscitare un vivace 
dibattito tra i suoi contemporanei. La Teorica fu il punto di partenza per un‟osservazione della 
realtà e per un‟analisi dei fatti storici, necessari per dare scientificità alla politica. L‟autore si 
discostò sia dal diritto costituzionale, sia dalla filosofia politica, privilegiando una lettura 
empirica e sociologica degli individui, dei gruppi e delle classi che, nel corso tempo, si erano 
succeduti nei vari luoghi e società della Terra. Le fonti a cui Mosca fece riferimento, furono 
                                                           
18
 Ibidem. 
19
 Ivi, p. 720.

Preview dalla tesi:

Il pensiero socio-economico di Gaetano Mosca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Fumaroli
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Angelo D'Orsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 247

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
politica
liberalismo
stato
classe politica
elitismo
elite
gaetano mosca
antiprotezionismo
minoraza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi