Skip to content

Il percorso filosofico di Gianni Vattimo dal nihilismo al cristianesimo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il percorso filosofico di Gianni Vattimo dal nihilismo al cristianesimo, Pagina 3
7 
Se vogliamo dipanare più a fondo lo snodo cruciale tra il rifiuto della conoscenza dell'Essere/Dio (crisi della 
metafisica) e l'inattingibilità delle verità ultime della realtà a prescindere dalle «catene» dell'interpretazione, 
così come formulato nella prospettiva del pensiero debole, dobbiamo allora soffermarci più a lungo proprio 
su questo aspetto, centrale nel pensiero di Vattimo, ovvero sul processo di secolarizzazione che ha 
caratterizzato storicamente lo sviluppo della civiltà moderna occidentale. 
Si tratta in sostanza di esaminare in che modo Vattimo si accosta al tema della secolarizzazione, un tema, 
come noto, già attentamente indagato da Max Weber: proprio il sociologo tedesco infatti, avvertendo lo 
scarto esistente tra lo sforzo religioso di dare un senso etico al mondo e alla vita umana e la ricerca di una 
conoscenza fondata sulla spiegazione razionale, per primo aveva sostenuto che il conoscere empirico, 
riducendosi a conoscenza del meccanismo causale (la scienza non riconosce alcun senso nel mondo e nei 
suoi avvenimenti, proponendosi soltanto di spiegarli, ossia di determinare relazioni causali), realizza un 
«disincantamento» (Entzauberung) del mondo; ma nel fare ciò la scienza, dando corso ad una rottura tra 
magia primitiva e religione, ha spinto progressivamente quest’ultima fuori dall'ambito razionale. Lo sviluppo 
della conoscenza intellettuale preclude in altre parole la possibilità di una «interpretazione razionale del 
senso del mondo», possibilità che costituiva originariamente la stessa ragion d'essere della religione come 
15
strumento di redenzione. 
Addirittura il moderno consumismo - difficilmente compatibile con l’austera visione weberiana del capitalismo 
come effetto dell’etica calvinista - potrebbe rappresentare, dice Vattimo allargando una riflessione di Colin 
16
Campbell sul romanticismo, l’esito di una secolarizzazione dell’originale nocciolo del messaggio cristiano, 
giacché potrebbe esprimere la curiosità verso mondi alternativi e l’intensa voglia di nuovo determinata dalla 
17
scossa riformatrice sul pensiero cristiano che apre l’età moderna. 
a) la metafisica come rassicurazione 
L’esplorazione vattimiana della secolarizzazione in termini di categoria centrale del pensiero filosofico e 
18
metafisico moderno non può prescindere dalla lunga frequentazione delle opere di Nietzsche. In 
esempi insoliti il richiamo alla Teologia Platonica di Proclo, secondo cui la dialettica (la filosofia prima o scienza della realtà delle idee) 
altro non è che una tecnica di recitazione circolare dei Nomi, che coincidono con le Idee (coincidenza di essere e linguaggio); le 
corrispondenze tra la meditazione ebraica sulla Torah (la scienza dei Nomi divini) quale tessuto di Nomi - la cui recitazione alla stregua 
di una partitura musicale (un «inno») è Dio stesso nel suo manifestarsi - e l’analisi filologica condotta da Burckardt sulla lingua araba, 
che avrebbe un carattere arcaico, quasi primordiale (in virtù della sua natura di sistema di radici tri-littere - ciascuna delle quali vene ad 
essere una sorta di ideogramma sonoro - nominare una cosa significa identificarsi con l’atto o con il suono che la produce); le articolate 
riflessioni di Walter Benjamin (ne Il compito del traduttore, 1921, ora ritradotto: Benjamin W., Il compito del traduttore, aut aut, 334, 
2007, p. 7-20) che, ponendo due forme di convergenza tra le lingue, a valle nel concetto (linguisticamente neutro) e a monte in una 
lingua originaria archetipica (di cui le varie lingue sono una sorta di dialetto) vede nella traduzione delle opere testuali una sorta di 
ritorno/risalita alla lingua originaria, tanto da considerare l’insieme delle traduzioni un potenziamento dell’opera originaria (a cui si 
avvicinano per lampi intuitivi) anticipando la Wirkungsgeschichte (la «storia della fortuna») di Gadamer. 
15
 Weber individua nel trapasso dall’etica protestante allo spirito capitalistico il crinale storico di questa svolta: la premessa del processo 
di razionalizzazione risiede nell’ascesi intra-mondana (lo sforzo consapevole di trasformare il mondo adeguandolo ai precetti divini), a 
cui subentra lo smarrimento dell’originario senso religioso di «sevizio al volere di Dio» e di «prova dello stato di grazia» smarrimento 
che da luogo al «disincanto». In sostanza alla ricerca originaria del profitto come conferma della salvezza nell’aldilà si sostituisce la 
ricerca del profitto come scopo in sé, fornito di valore autonomo, e all’impiego della violenza come mezzo per piegare la vita politica alla 
volontà divina si sostituisce la pura e semplice ragion di Stato, refrattaria a qualsiasi principio morale (M. Weber, Protestantesimo e 
Spirito del capitalismo, Gruppo Editoriale L’Espresso, Roma 2006). 
16
 C. Campbell, L’etica romantica e lo spirito del consumismo moderno, tr. It. Edizioni del Lavoro, Roma 1992. 
17
 G. Vattimo, L’Occidente o la cristianità, in: G. Vattimo, Dopo la cristianità, cit., p. 81-82 (in precedenza già pubblicato in: A. Giordano, 
F. Tomatis, Cristianesimo ed Europa, Città Nuova, Roma 1993). 
18
 L’ininterrotto dialogo di Vattimo con Nietzsche trova le formulazioni più significative soprattutto nelle seguenti opere: G. Vattimo, 
Ipotesi su Nietzsche, Giappichelli, Torino 1967, poi riedito come G. Vattimo, Dialogo con Nietzsche. Saggi 1961-2000, Garzanti, Milano 
2000; G. Vattimo, Il soggetto e la maschera. Nietzsche ed il problema della liberazione, Bompiani, Milano 1974; G. Vattimo, 
Introduzione a Nietzsche, Laterza, Roma-Bari 1985. A grandi linee l’approccio vattimiano identifica, secondo uno schema costante, il 

Preview dalla tesi:

Il percorso filosofico di Gianni Vattimo dal nihilismo al cristianesimo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Olivetto
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Claudio Ciancio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caritas
credere
cristianesimo
ermeneutica
essere/esserci
estetica
etica
fede
filosofia contemporanea
gadamer
girard
heidegger
interpretazione
kenosi
metafisica
nietzsche
nihilismo
ontologia
pareyson
pensiero debole
post-moderno
ragione
religione
vattimo

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi