Skip to content

Il prezzo della verità. Professione inviato di guerra.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il prezzo della verità. Professione inviato di guerra., Pagina 9
cronologicamente perché per quanto riguarda i risultati lasciò molto a desiderare - altri individuano
in Charles Lewis Guneison un prototipo molto più completo. Fu l’inviato del Morning Post che nel
1834 seguì la guerra civile spagnola e non esitò a esporsi e a indagare le ragioni dei diversi fronti
contrapposti. Finì anche in prigione come spia e rischiò la fucilazione da parte della fazione carlista.
Per trarlo dagli impicci dovette intervenire il governo inglese, rassicurando i carcerieri che la
curiosità di Guneison non aveva nulla di politico ma era legata solo al suo essere giornalista. Sui
nomi appena citati però, gli studiosi non sono completamente d’accordo mentre c'è l’unanimità nel
considerare Sir William Howard Russell (Lilyvale, Dublino, 1820 – Londra, 1907) il primo, vero,
reporter di guerra. Ma neanche questo lo esonerò dall'essere considerato un intruso. 
Un interrogativo sorge spontaneo: prima chi faceva la cronaca delle guerre? I famosi resoconti li
stilavano gli ufficiali e raccontavano di cose eroiche, retoriche, mitiche. Più che riassunti erano
bollettini militari e lasciavano sottintendere un “come siamo bravi”. Non raccontavano che la gente
moriva, che gli ufficiali erano incompetenti, che c'era la corruzione, che si mandavano i soldati a
morire come carne da macello. Quando arrivò, William Russell cominciò a scrivere tutto e ruppe la
verità codificata. Nel 1854 fu inviato da John Delane, direttore del Times, l’autorevole quotidiano di
Londra, alla guerra di Crimea (1854-1855), per fornire ai lettori i resoconti di quel conflitto così
lontano: scriveva con la penna d’oca mentre oggi l’ultimo inviato di guerra sta scrivendo da qualche
sperduta area africana e manda i suoi pezzi con un modernissimo telefono satellitare. Russell
inventò dunque la professione di reporter di guerra: fino ad allora le cronache belliche erano
“buttate giù” ala meglio, scritte da qualche ufficiale sul posto oppure messe insieme da giornalisti
sulla base di testimonianze più o meno attendibili e di seconda mano. Inoltre come dicevamo,
essendo gli ufficiali dell’esercito i principali autori, mai si sarebbero azzardati a riportare notizie di
disfatte e sconfitte. Insomma la stampa faceva soprattutto da grancassa al governo. Russell era
partito nella primavera del 1854 da Malta e non avrebbe mai potuto immaginare il successo che
invece avrebbero ottenuto le sue corrispondenze. Il Times del 14 novembre 1854 pubblicò la sua
memorabile cronaca della disfatta dei Seicento, la brigata leggera dell’esercito di sua Maestà che a
Balaclava andò a infrangersi contro le linee e le cannonate russe. “Alle undici e dieci, la nostra
brigata di cavalleria leggera avanzò trionfante nel sole del mattino, fiera in tutto il suo bellico
fulgore” - scriveva Russell nel suo famosissimo incipit - “Da una distanza che non era nemmeno un
miglio, l’intero schieramento nemico vomitò da trenta bocche di fuoco un inferno di fuoco e
fiamme. […] A ranghi ormai ridotti, con una nube d’acciaio sulla testa dei nostri uomini, e levando
alto un grido che per questi generosi era anche l’ultimo appello della morte, i cavalleggeri si
lanciarono dentro le nuvole di fumo, ma prima ancora che si perdessero alla nostra vista, la pianura
era punteggiata dei loro corpi. […] Alle undici e trentacinque, non un soldato inglese restava
davanti alla bocca dei sanguinari cannoni moscoviti”. Le vendite del Times andarono subito alle
11

Preview dalla tesi:

Il prezzo della verità. Professione inviato di guerra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Santini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni
  Relatore: Giannetto Sabbatini Rossetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra del golfo
vietnam
cnn
prima guerra mondiale
censura
iraq
embedded
afghanistan
blog
al jazeera
robert capa
indro montanelli
reporter di guerra
citizen journalism
salam pax
oriana fallaci
giornalismo di guerra
luigi barzini
stampa libera
inviato al fronte
william russell
spettacolarizzazione dell'informazione
mediatizzazione della guerra
bombardamento mediatico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi